2011-07-28


Tovagliolo fiume bianco di Creativitàvola
Ancora un piatto di verdure e poi giuro smetto. Il fatto è che non vi posso far rinunciare a questa ricetta, Fernando ne va pazzo e ogni volta che accendo il forno per preparare qualcosa ne infilo al volo una teglietta, si conservano bene anche per un paio di giorni e dovreste provarle tra due fette di pane grigliato con scamorza e prosciutto crudo, son certa che se provate vi ricorderete di me come io penso all'autrice del libro da cui le ho copiate ogni volta che le preparo. Comunque qualche modifichina l'ho fatta invece del tmo uso il misto di erbette provenzali e la cipolla la metto direttamente a crudo, basta la cottura in forno se la tagliate a velo a renderla perfetta.
Non occorrono dosi, occorre solo una buona manualità coi coltelli.
Indicativamente per una teglietta come la mia:
1 cipolla rossa di Tropea
1 zucchina grande o 2 piccole
1 pomodoro
erbette miste provenzali
basilico
1 spicchio d'aglio
olio extravergine d'oliva
pepe e sale
Strofinate con l'aglio la teglia e irrorate con un filo d'olio. Affettate a velo la cipolla e ponetela al fondo della teglia, salate. Affettate sottilmente zucchine e pomodoro e alternatele in teglia, salate, pepate e completate con il basilico sminuzzato e le erbette provenzali, irrorate con altro olio prima di infornare a 200°per circa mezz'ora, fin quando le verdue risulteranno ben asciutte e colorite.

2011-07-25


Piatto fondo linea Evolution di CHSGroup
 Gli gnocchi mi piacciono in ogni versione e stavolta ho osato con lo zafferano. A parte il meraviglioso colore è il gusto che rimane così particolare da non richiedere chissà quali elaborazioni per il condimento.
Per lo zafferano ho scelto la qualità affidandomi ad un prodotto siciliano, Il fiore, venduto in fili da Siculidivini, un fornitissimo negozio dove trovo tantissime specialità siciliane a portata di clic.
Per il condimento non occorre invece sfiancarsi particolarmente tenuto conto che in tale periodo dell'anno basta rivolgersi con fiducia all'orto per avere i prodotti migliori e si può approfittare del buon clima per avvicinare anche i più piccoli alla terra ed ai suoi prodotti.
Dico ciò perchè Giulio si diverte tantissimo a curiosare tra le pianticelle dell'orto di nonno e per i bambini più grandi quella dell'orto può essere un'ottima attività da svolgere insieme durante il periodo delle vacanze. So bene che l'estate, escludendo i giorni che si trascorrono in viaggio, diventa davvero difficile trovare delle occupazioni divertenti e gratificanti sia per i nostri figli che per noi.
La coltivazione delle piante, in particolare l'orto, può essere un'attività gratificante, tutti i bambini hanno simpatia per queste cose e vi stupirete di quanto siano capaci e tenaci nel realizzarle. Se non avete alcuna idea su come avvicinarvi e avvicinarli a queste sane attività potete farlo per il tramite di qualche bel libro.
Io gironzolando in libreria ho trovato delle belle cosine di cui voglio parlarvi.
Per i piccoli due volumi dallo stesso titolo ma dai contenuti diversi.
L'insalata era nell'orto - L'orto a scuola e nel tempo libero, di Nadia Nicoletti per Laboratorio Salani è diventato ormai un classico. Un manuale prezioso, seppur semplice e schematico, arricchito da vignette e disegni per bambini curiosi, genitori volenterosi  e insegnanti entusiasti che si completa con delle facili ricette da realizzare insieme ai piccoli. Un libro per diverttirsi, rilassarsi e imparare l'arte della pazienza.
Con lo stesso titolo ma, come accennavo, dal contenuto completamente diverso L'insalata era nell'orto - Favole da mangiare di Anna Bossi e Liliana Carone per Progedit editore. Un libro per insegnare ai bambini l'arte del magiar bene, servendosi di bellissime storie  che hanno come protagonisti gli ortaggi, la frutta ma anche il pane, i dolci e la pasta. Le storie  le apprendiamo dalla voce di nonna Sofia che le racconta i suoi nipotini Giacomo e Nic in una mattinata al mercato che diventa una meravigliosa e magica avventura.
Se non avete bimbi in casa e volete comunque avvicinarvi alla cotivazione dell'orto, un manuale di Debatte editore L'Orto Facile insegna a coltivarlo al naturale, senza concimi né antiparassitari. Articolato in schede per ogni ortaggio e arricchito di consigli di esperti ci illustra l'ABC dei lavori nell'orto e il fai da te dei rimedi naturale.
Ma se poi vi ritrovate con una montagna di ortaggi da utilizzare e poca fantasia per farlo dello stesso editore  è L'Orto Chef  una raccolta di bellissime ricette dei più grandi cuochi italiani a base di ortaggi e verdure. Oltre 150 ricette di ben 98 grandi chef da provare per esaltare i sapori e i colori dell'orto. Un omaggio alla ricchezza naturale del nostro Paese.
Ed ora la ricetta degli gnocchi:
1 Kg di patate pelate
300 g di farina
1 uovo
0,25 g di zafferano in fili (stimmi)
per il condimento:
1 piccola cipolla
1 peperone verde
2 zucchine
4 pomodori San Marzano
1 ciuffetto di basilico
olio extravergine d'oliva
sale e pepe
Parmigiano grattugiato per completare
Lessate le patate già pelate nell'acqua alla quale avrete aggiunto lo zafferano per circa 30 minuti, scolatele e passatele calde allo schiacciapatate.  
Tritate la cipolla e stufatela in un fondo d'olio unite le zucchine e il peperone a piccoli dadini, salate pepate e cuocete pochi minuti, unite ancora i pomodori pelati e ridotti a tocchetti e il basilico sminuzzato, continuate la cottura a fuoco vivace per un paio di minuti. Unite alle patate la farina, un pizzico di sale e l'uovo, lavorando velocemente l'impasto. Formate dei rotolini e tagliateli a tocchetti di poco più di un centimetro. Lessate gli gnocchi appena formati e conditeli con il sughetto preparato. Serviteli con Parmigiano grattugiato per chi lo gradisce.

2011-07-22


Piatto piano collezione Saint Tropez  di Laboratorio Pesaro

Premetto di non essere una grande consumatrice di maionese tipo quelli che la mangiano sul pane, ci condiscono tutto, se ne spremono il tubetto in bocca, ammetto però che dove ci vuole ci vuole e visto che di confessione si tratta vi dico pure che con le patatine fritte alla maionese e al ketchup non ci rinuncio. Raramente la preparo in casa, specie da quando Calvè ha inventanto la sua Mayò, maionese con lo yogurt, la trovo leggera e gustosa e poi la maionese di Calvè è preparata con uova allevate a terra. Questa premessa per dirvi che quando Calvè mi ha chiesto di preparare una ricetta che includesse la sua maionese ho subito accettato la sfida e  la mia risposta affermativa è stata spontanea.
Ho mandato mio marito in delirio con queste Cialde di pane con carne, verdure e salsa gustosa alla maionese e voglio lasciarvi la ricetta, adatta ad una serata estiva.
Ingredienti per 4 persone:
8 fettine sottili di pane (tipo filone)
8 fettine di carpaccio di vitellone
1 cetriolo
2 pomodori San Marzano
2 cucchiai di capperi sotto sale
4 acciughe sotto sale
4 cucchiai di Mayò
1 cucchiaino di origano
2 cucchiai di aceto di vino
1 limone
olio extravergine d'oliva
sale e pepe
Tagliare a dadini il cetriolo e condirlo con sale, aceto e due cucchiai di olio. Tagliare i pomodori in piccoli pezzi dopo averli privati dei semi e condirli con sale, olio e origano. Distendere la carne in un largo piatto dopo averla battuta, condirla con il succo di mezzo limone, un filo d'olio, sale e pepe. Bagnare la crosta delle fettine di pane e dopo averle poste tra due fogli di carta forno unti d'olio spianarle con il mattarello, infornare fino a doratura. Porre la carne condita per pochi minuti in forno spento, giusto il tempo di scottarla.
Dissalare capperi e acciughe e tritarli a coltello unire al trito la maionese, due cucchiai di succo di limone, due di olio, il fondo dei cetrioli e un paio di cucchiai di acqua per rendere la salsa più fluida.
Comporre il piatto ponendo a base una cialda di pane, sovrapporre una fetta di carpaccio, un po' di cetrioli e pomodori e una cucchiaiata di salsa alla maionese. sovrapporre l'atra cialda di pane e condire allo stesso modo della precedente. Potete anche sostituire il carpaccio con delle fette di Roast beef pronto.
P.S. Su http://www.vistochebuono.it/it/ troverete tante altre idee per utilizzare la maionese nelle vostre ricette.

Articolo Sponsorizzato

2011-07-20


La tavola apparecchiata
Ogni tanto anch'io spengo i fornelli e me ne vado a zonzo per locali. In questo mio peregrinare ho visitato il Ristorante Melograno. La recensione la potete leggere qui di seguito oppure direttamente su Cibando.
Qualora capitaste in zona vi consiglio di non perdere la sosta.

Antipasto di mare
Paccheri al tonno
Il melograno, si sa, è un frutto da sempre legato al buon auspicio, un frutto ricco con i chicchi ben stretti, uniti tra loro come i soci del ristorante che ne porta il nome.
La sala
Siamo in Contrada Petraro di Rose e salta all'occhio il nome locale guardando l'insegna prima di entrare. Il perchè del nome lo si intuisce già fuori ma si chiarisce subito dopo aver varcato la soglia, quando i due fratelli Pingitore ti accolgono col sorriso ai loro tavoli e ti parlano dello chef (il terzo socio) come se fosse anche lui un fratello.
Fuori il caldo è insopportabile dentro al locale però ci si rilassa immediatamente, accolti bene in un un ambiente soft, ben climatizzato, moderno e lindo, tutto giocato sui toni di crema e cioccolato. Nessuna nota stonante, pochi tavoli apparecchiati con cura, ottime etichette esposte e la sensazione dev'essere la stessa anche per gli altri avventori che palesemente non sono lì per caso e neppure per la prima volta.

Un menù ricchissimo di portate (impossibile non notare l'infinita lista di primi!). Iniziamo il pranzo con una fresca Insalata di mare, per nulla scontata, una semplice esaltazione della già ottima materia prima: polpo, gamberi, cozze e vongole, tutti al punto giusto di cottura, serviti alla temperatura esatta con un buon calice di Greco Bianco delle Cantine Statti di Lamezia Terme.
Proseguiamo con un primo, paccheri al sugo di tonno, quasi un piatto di recupero, in tal caso una valorizzazione della materia prima ad opera di un sughetto ricco di profumi e gusto (un'impresa desistere dal desiderio di fare scarpetta nel piatto. Senza trascurare che i paccheri sono di Garofalo, la pasta di Gragnano.



I secondi
Concludiamo il pranzo con un abbondante secondo composto da due portate, tonno alla griglia con rucola, pomodorini e cipolla appena stufata, un piatto dal gusto delicato che lo sembra ancor più confrontato alle alici arriganate che ci vengono servite insieme. Sfacciatamente stuzzicanti con il loro "rivestimento di peperoncino e origano, gusto ricco smorzato appena da un'insalata mista di accompagno. Andiamo via soddisfatti dopo un caff'è, senza dimenticare il gusto di ciascuna portata e con l'idea di tornare presto al Melograno.

2011-07-14

Centrotavola in Kergrès® dipinto a mano sottosmalto della collezione Opera Prima di Wald
Se penso all'estate le verdure che mi vengono in mente sono zucchine, melanzane e peperoni. Vi ho dato prova di quanto mi piacciano insieme già in alcuni piatti, e non posso non pensare alle lasagne del post precedente o al ciambellone vegetariano preparato un paio di mesi fa.
Estate poi significa convivialità, e stare insieme a tavola con poca fatica si può, basta far ricorso a piatti semplici nell'esecuzione e completi per evitare lunghi pranzi sfiancanti sia per chi prepara che per chi deve mangiare.
Il cus-cus (precotto) con un po' di verdure estive e della carne di pollo fa proprio al nostro caso.
Ingredienti per 4 persone:
400 g di cus-cus precotto
500 g di petto di pollo
1 melanzana
2 peperoni (rosso e giallo)
2 zucchine
1 ciuffo di basilico
1 limone
olio extravergine d'oliva
2 spicchi d'aglio
sale e pepe
Tagliare a listerelle il pollo e porlo a marinare in una ciotola per qualche ora in frigorifero con olio, sale, pepe, il succo del limone e uno spicchio d'aglio a fettine.
Pulire le verdue e tagliarle a cubetti. Tritare finemente l'altro spicchio d'aglio, porlo in un wok con un fondo d'olio e rosolavi a fuoco vivace le verdure. Intanto preparare il cus-cus secondo le istruzioni presenti sulla confezione. Tolte le verdure dal wok adagiarle sul cus-cus e cuocere il pollo nello stesso tegame utilizzato per le verdure. Completare il piatto con la carne e servire.
*Per la preparazione ho utilizzato il wok della linea Salento whitestone di Ballarini

2011-07-11


Portapyrex ovale grande collezione Rattan Nella Longari Home, tovagliolo fiume bianco in cotone e poliestere Creativitàvola
Si pensa normalmente che un piatto di lasagne in estate ci stia come i cavoli a merenda. Bè! se parliamo di lasagne tradizionali sembrerebbe di si, ma se per lasagne intendiamo invece il formato di pasta elaborato poi secondo il gusto e la stagione, anche d'estate si possono fare delle grandi scoperte a tavola e con le verdure grigliate,un sughetto di pomodoro ricco di basilico e tanta buona mozzarella le lasagne hanno proprio il gusto dell'estate.
Ingredienti per 6 persone:
200 g di farina 00
2 uova
1 kg di pomodori da sugo maturi
1 ciuffo di basilico
2 peperoni
1 melanzana
2 zucchine
300 g di mozzarella
20 g di burro
20 g di farina
300 ml di latte
100 g di parmigiano reggiano grattugiato
olio extravergine d'oliva
aglio
sale e pepe
Impastare la farina con le uova e un pizzico di sale. Dopo averla fatta riposare stenderla con la ATLAS 150 WELLNESS di MARCATO  in uno strato molto sottile, tagliarla a rettangoli, lessarla pochi istanti e lasciarla asciugare su un canovaccio.
Grigliare le verdure dopo aver ridotto le zucchine e le melanzane a fette e i peperoni a falde, condire le verdure con olio, sale e aglio e tenere da parte.
Rosolare uno spicchio d'aglio in un fondo d'olio e aggiungere i pomodori pelati e sfilettati, cuocere pochi minuti a fuoco vivace, salare, pepare e aggiungere abbondante basilico.
Sciogliere il burro in un padellino, unire la farina e poi il latte, salare, pepare e lasciar addensare la besciamella.
In una pirofila versare un po' di sughetto e poi formare uno strato di lasagne, condire con sugo, le verdure miste tagliuzzate, un po' di besciamella, mozzarella a cubetti e parmigiano, proseguire così per gli altri strati formandone in tutto quattro, infornare a 200° per 15-20 minuti.

2011-07-07

Insalatiera in Kergrès® dipinto a mano sottosmalto della collezione Opera Prima di Wald
Prepara tutto prima e poi...sparisci dalla circolazione, avrà pensato qualcuno non avendo mie notizie per giorni. Devo ammettere che queste ultime giornate sono state per me particolarmente incasinate, impegni di lavoro improrogabili, amiche convolate a nozze,  progetti da portare avanti, un corredino per una pupetta ancora da ultimare e una valigia (la valigia dell'emergenza) da preparare nel caso in cui la mia piccina non voglia attendere la data presunta del parto. In ogni caso si continua a cucinare e anche a mangiare, prediligendo piatti freschi e cotture veloci.
Il primo di cui vi parlo oggi è molto gustoso, si prepara in pochissimo tempo e il condimento (che può essere prepararto anche in anticipo) non richiede cottura. All'ultimo istante basta lessare la pasta e mescolare il tutto con cura prima di portare in tavola. Ritengo sia un piatto conviviale per la realizzazione del quale mi sono affidata agli ottimi formaggi di casa Brunelli, pecorino romano dop e ricotta fresca di pecora daranno al piatto quel tocco speciale che ben contrasterà la dolcezza delle zucchine.
Ingredienti per 4 persone:
400 g di pasta corta
2 zucchine medie
3 cucchiai di pesto genovese
150 g di ricotta fresca di pecora
50 g di pecorino romano d.o.p. grattugiato
1 ciuffetto di basilico
olio extravergine d'oliva
sale e pepe nero
Scottare le zucchine intere per pochi minuti, tagliarle a cubetti e condirle con il pesto, olio, sale e abbondante pepe nero. Lessare la pasta e aggiungere all'insalata di zucchine la ricotta (sciolta con qualche cucchiaio di acqua di cottura) e il pecorino, unire infine la pasta e il basilico tagliato fine appena prima di servire.

2011-07-02

Coppette Confetti di Vetri delle Venezie, vassoio tondo con plexiglass collezione Rattan Nella Longari Home
goditi la cena.
Una buona filosofia di vita quella di  Agnès Lambert che, nel suo libro appena uscito per Magazzini Salani, da cui ho tratto la ricetta di oggi e il titolo del post ci insegna a non arrivare stressati a tavola adottando dei semplicissimi trucchi.
Le 50 ricette del libro, un agile volumetto con splendide fotografie di  Raphaele Vidalig sono tutte belle e fattibilissime ma possono soprattutto esser preparate in anticipo e conservate in frigo o in freezer fino al momento del pasto in cui, ne sono certa, riuscirete a stupire chi si siederà al vostro tavolo.
Sono ricette per persone che amano cucinare ma hanno poco tempo per farlo, per mogli e madri di oggi che nonostante gli impegni non vogliono rinuciare alla cura dei loro cari, per golosi inguaribili che rifiutano il "pronto del supermercato". In pratica è un librino che è proprio nelle mie corde e di tutte le ricette selezionate e contrassegnate con i post-it per non dimenticare di provarle, ho voluto iniziare proprio da un dolce, un Crumble al pistacchio che si può preparare anche in grandi dosi e poi tenere nel freezer fino al momento dell'utilizzo. L'utilizzo? Bè sul gelato, sulla macedonia, sulle composte di frutta, sulla frutta cotta etc. Nel mio caso ottimo gelato al cioccolato preparato in casa con un aiutino...il preparato per gelato al cioccolato Fabbri che si prepara aggiungendo solo latte fresco alla miscela già pronta. Per i pistacchi,  che ho spellato io stessa dopo un breve tuffo in acqua bollente, ho scelto Noberasco.
Per lo zucchero di canna mi sono invece affidata alla varietà Malawi di Bronsugar D&C, che ha un intenso aroma di liquirizia.
Ingredienti per il Crumble al pistacchio:
30 g di zucchero di canna
30 g di burro
30 g di farina
30 g di pistacchi spellati
Tritare i pistacchi al mixer senza ridurli in polvere troppo fine, unire farina, zucchero di canna e burro freddissimo. Stendere il composto ottenuto, che si presenterà granuloso, su una teglia di silicone e infornare a 180°C per 5 minuti circa. Estrarre la teglia dal forno e sbriciolare il crumble con la punta di un coltello, rimettere in forno per altri 5 minuti, ripetere l'operazione un'ultima volta prima  di sfornare definitivamente e lasciar raffreddare il crumble prima di utilizzarlo. In un contenitore di plastica con coperchio si può congelare e prelevare solo la quantità desiderata poco prima dell'utilizzo.
Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!