2007-03-31


Su Cucina Italiana del mese di Aprile c’è uno speciale dedicato alla pasta bigné del bravissimo Walter Pedrazzi. Naturalmente mi è venuta voglia di sperimentare subito qualcosa per cui ho realizzato, utilizzando una sua ricetta base, una Paris-Brest alle fragole.
Questo dolce si narra sia nato a Parigi nel 1891 ad opera di un Pasticcere di nome Pierre Gateau il quale in occasione della gara ciclistica Paris-Brest realizzo una torta a forma di ruota di bicicletta a cui diede il nome della gara che si stava svolgendo. La ricetta originale prevedeva una base di pasta bigné coperta di scaglie di mandorle e zucchero a velo, farcita con crema. Nel corso degli anni comunque a tale dolce, diventato ormai un classico di pasticcera sono state date varie interpretazioni, quella che segue è la mia personale versione primaverile: Paris-Brest alle fragole.
Per la base: Mettiamo in una pentola 250 g di acqua con 100 g di burro e un pizzico di sale, una volta sciolto il burro aggiungiamo 150 g di farina e facciamo una polentina (si procede come per le Zeppole di San Giuseppe). Raffreddato l’impasto aggiungiamo tre uova, uno alla volta Quando il composto risulta omogeneo lo trasferiamo in una sacca da pasticceria con bocchetta liscia e formiamo su una teglia, coperta di carta da forno, due cerchi concentrici attaccati l’uno all’altro.
Mettiamo a cuocere in forno caldo a 190° finché il dolce diventerà gonfio e dorato, Non togliamo subito dal forno altrimenti si sgonfia in fretta, lasciamolo raffreddare nel forno spento.
Poi tagliano in orizzontale e farciamo con crema Chantilly (crema pasticcera e panna montata in egual misura) e fragole a fettine. Cospargiamo di zucchero a velo e il nostro dolce di primavera è pronto. Come fine pasto devo dire che fa la sua figura, ma se lo assaporiamo in solitudine tuffandoci nella sua voluttuosità non ha pari.
Reazioni:

Paris-Brest alle fragole

Cocò 2007-03-31 Media Voti 5,0 su: 1

5 commenti:

Tulip ha detto...

Come è bello!! e come mi piace l'accostamento con le fragole.

Ma lo sai che non mi ricordo se il numero di aprile di Cucina Italiana l'ho già letto oppure no?
Stamattina devo ancora connettermi con il mio cervello, credo!

baci

marinella ha detto...

Sei Mitica! il Paris Brest è uno dei miei dolci preferiti. Sopratutto fatto in casa con ingredienti genuini.... mi fai venire delle voglie che non dovrei proprio assecondare. ciaooo

CoCo ha detto...

infatti anche io dovrei trattenermi dall'assecondare queste "voglie" ma che ci posso fare...

chiara ha detto...

Che spettacolo!!!!!!!

CoCo ha detto...

L'ho rifatta oggi speriamo piaccia ai miei ospiti

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!