2009-05-05

Fig. 1
Che si potesse prendere un chilo in due giorni non l’avevo considerato quando ho deciso di partecipare al 4° Salone della Mozzarella di Bufala a Paestum.
Sono stati però dei giorni splendidi come il sole che ci ha onorato della sua costante presenza e, oltre a un po’ di relax, la rituale visita agli scavi ed al museo, sono stata impegnata a degustare tanta mozzarella, ricotta e formaggi di bufala, con l’intenzione di individuare quale fosse la migliore tra le presenti in esposizione. Devo dire che, secondo me, vincono ex aequo quelle del Caseificio Fattoria del Casaro di Paestum e dell’Azienda Agricola Casearia Barlotti di Capaccio/Paestum, due vere prelibatezze, come gli altri prodotti dei due caseifici.
Oltre alla mozzarella ho avuto il piacere e l’onore di partecipare a qualcuna tra le degustazioni in programma.
Fig. 2
Sono rima- sta esta- siata dalla bravu- ra di Ferdi- nando Cuomo del ristorante Le Cinque Porte di Penta di Fisciano (SA) che ci ha deliziato con tre diverse preparazioni a base di carne di bufalo (quella del Consorzio AL.B.A.) accostata ai prodotti del territorio, cui dei competenti sommeliers della delegazione AIS Cilento hanno abbinato vini di notevole spessore, uno per tutti il Naima 2004 I.G.T. Paestum Aglianico De Conciliis che ha dato il meglio di sè con lo stracotto di bufalo cotto sotto vuoto a bassa temperatura per ben 24 ore.

Fig. 3

Fig. 4


Altro chef, che non ha sicuramente bisogno di presentazioni, di cui ho potuto degustare alcune prelibatezze è Raffaele Vitale del ristorante Casa del Nonno 13 di Mercato San Severino (SA).

Fig. 5

.

Una perso- na straor- dinaria ed estremamente alla mano (nonostante la stella Michelin) che, dopo un piatto di ingresso a base di mozzarella di bufala, lardo di maiale nero e rapa rossa,

Fig. 6


ci ha presentato due eccellenti primi in cui ha utilizzato la pasta Antonio Amato, quella della linea speciale Le due Regine prodotta con semola di grano duro superiore e trafilata artigianalmente al bronzo.

Fig. 7


Fig. 8

I piatti sono stati serviti in abbinamento alle birre del Microbirrificio artigianale Il Chiostro di Simone della Porta.
Persone umili che mettono il cuore in quello che fanno come confermano i risultati. La cornice delle degustazioni non poteva che essere lo storico
Ristorante Nettuno adiacente agli scavi, giusto perché, come si suol dire, anche l’occhio vuole la usa parte. Un grazie speciale a Barbara Guerra dello staff organizzativo.

Fig. 1 Mio marito con alcune Bufale
Fig. 2 Sala del Nettuno in cui si è tenuta la degustazione dello chef Cuomo
Fig. 3 Piatto di Ferdinando Cuomo: Taratare di carne di bufalo con olio di nocciole di Giffoni, crema di rucola e spuma all'olio di nocciole e grissino al sesamo nero
Fig. 4 Piatto di Ferdinando Cuomo: Stracotto di Bufalo con verdurine stufate
Fig. 5 Lo chef Raffaele Vitale durante la degustazione al ristorante Nettuno
Fig. 6 Piatto di Raffaele Vitale: Bocconcino di bufala avvolto nel lardo di maiale nero con rapa rossa e crostino di pane
Fig. 7 Piatto di Raffaele Vitale: Candele spezzate ripiene di ricotta di bufala e sugo di pomodoro e basilico
Fig. 8 Piatto di Raffaele Vitale: Canneroni con crema di piselli e burrata di bufala

Reazioni:
Categories:

Il week-end a Paestum

Cocò 2009-05-05 Media Voti 5,0 su: 1

10 commenti:

michela ha detto...

ohohoho!!
Invidia..hai mangiato tutto?
Cos'è il primo rosso?
Uno sformatino al pomodoro?
Che fame!!

CoCò ha detto...

@Michela in basso c'è la didascalia erano candele spezzate ripiene di ricotta di bufala con pomodoro e basilico

Saretta ha detto...

Poesia x occhi e palato, che favola!!!!
bacioni

Cianfresca ha detto...

Il quarto salone della mozzarella di bufala è come la fiera della nuvola in paradiso!!!! Stupenda..

Marcello Valentino ha detto...

Grazie per la visita e per i complimenti cara Concetta...
Un caro saluto..

Anonimo ha detto...

ciao, complimenti per il tuo blog. Volevo segnalarti quello che penso sia un piccolo plagio. Se vai alla pagina http://www.ricettariocucina.com/2009/01/tiramis-alla-fragola.html
vedrai che la foto che illustra la ricetta è una delle tue...forse ne eri già al corrente,ma i copioni mi infastidiscono!!!
Baci MRC

CoCò ha detto...

@Saretta avrei voluto trasmettervi i profumi ed i sapori di quei piatti
@Cianfresca il paragone si addice molto
@Marcello sei un professionista ed è ovvio che si veda
@MRC non posso che ringraziarti per la segnalazione alcuni pensano di far prima postando le foto degli altri nei propri blog ma mi dispiace per loro perchè si perdono una delle parti più divertenti e gratificanti ovvero il lavoro che sta dietro ad ogni ricetta presentata, sono comunque blog destinati a chiudere

Sandra ha detto...

mammina mia che bei piattini!!
Brava Cocò, fa sempre bene allo spiriti e alla mente regalarsi momenti 'ludici' come questi :)
un abbraccio

Ady ha detto...

Cocòòòòòòòòòò, mi hai fatto morire, io che l'ultima mozzarella di bufala, vera intendo..., non la mangio da dieci anni!!!
Il prossimo anno vengo anch'io!!!!
Bravissima anche come reporter...
Un bacione

CoCò ha detto...

@Ady infatti è un evento da non perdere se si ama la Bufala

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!