2012-07-27

Servizio Impronte verde di Wald
A me piace molto, nel poco tempo libero a  disposizione o magari mentre sfaccendo in casa, seguire qua e là in Tv programmi che parlano di cucina che ormai, del resto, l'angolo cottura è presente in tutte le trasmissioni anche in quelle che con la cucina poco o niente hanno a che fare.
Se siete come me può darsi che un po' di nostalgia delle vostre abitudini vi prenda. Io ho trovato una soluzione alternativa per seguire le vicende delle star dei fornelli anche a schermo spento.
La mia star preferita è Jamie Oliver, come resistere del resto alla sua spontaneità, al suo volto carismatico, ai suoi viaggi ed ai relativi esperimenti di cucina? Ho deciso allora di dedicare le mie soste sotto l'ombrellone alla lettura della sua biografia per conoscerlo ancora meglio. E' stata scritta da Stafford Hildred e Tim Ewbank e pubblicata da Castelvecchi editore. Non si può non appassionarsi sin dalle prime pagine al racconto della vita di questo simpatico e strano ragazzino inglese che invece di giocare a palla fuori preferiva chiacchierare di cucina e ricette con l'anziana vicina di casa!
Gli appassionati di pasticceria e torte decorate sono sempre di più e chi del resto non conosce ormai  Buddy Valastro alias Il boss delle torte di RealTime TV? Le vicende della sua grande famiglia di origine italiana hanno appassionato il pubblico di mezzo mondo quasi quanto le sue spettacolari ed estrose torte. La storia del suo successo con la pasticceria Carlo's e le ricette della sua famiglia sono diventate un libro, che riprende il titolo della fortunata serie televisiva Il Boss delle Torte, pubblicato dall' Editore Vallardi. La storia della famiglia di Buddy è il simbolo di quella gente buona che partendo dal sud Italia verso l'America è riuscita con sacrificio e sudore a realizzare il massimo integrandosi perfettamente della comunità ospite, divenendone anzi esempio da emulare. Vita, amori, trionfi e sconfitte oltre che tante ricette e le tecniche di pasticceria che sono alla base del successo di Carlo's  e Buddy fanno del libro un imperdibile da gustare pagina dopo pagina e custodire gelosamente.
Per chi ama i classici e non perde una puntata de La prova del cuoco tanto che si è affezionato ai loro chef, irrinunciabile La prova del cuore di Cristian Bertol, pubblicato da Giunti in collaborazione con Rai Eri. Il libro non parla della vita di Bertol ma delle sue ricette che è uno dei modi più efficaci per conoscere uno chef. La prova del cuore oltre che un libro splendidamente illustrato con 60 ricette, scelte tra quelle rese celebri dalla fortunata trasmissione televisiva, quelle tradizionali trentine e quelle che lo chef propone nel suo ristorante, è una prova del grande cuore di Cristian Bertol che ha deciso di destinare i proventi ricavati dalla vendita del libro alla Fondazione Trentina per l'Autismo.
Adesso un'insalata di riso da gustare sotto l'ombrellone, un'insalata che ho inventato io ispirandomi a Jamie Oliver e alla sua cucina immediata, me lo immaginavo a grigliare all'aperto il pollo e le zucchine per la mia insalata!
Ingredienti per 4 persone:
4 tazzine di riso parboleid
1 polletto
2 zucchine
1 mancoata di fagiolini
150 g di caciotta mista*
olio extravergine d'oliva
origano
aglio
tabasco
sale e pepe
Pulire ed aprire il pollo condirlo con aglio, sale, pepe e origano. Grigliare il pollo e le zucchine ridotte a rondelle. Lessare i fagiolini, condirli poi insieme alle zucchine con olio, aglio, sale, pepe e tabasco. Unire all'insalata il pollo cotto e disossato, la caciotta a pezzetti e il riso lessato e freddo. Regolare ancora di condimenti e servire preferibilmente sotto l'ombrellone o in terrazza.
* Ho utilizzato la caciotta Flaminia di Brunelli prodotta con latte misto di pecora e mucca
N.B. La scorciatoia per gli scasafatiche è di prendere il pollo cotto dal macellaio, non avrà lo stesso sapore ma meglio di niente!
Reazioni:

Volti televisivi noti e una fresca insalata di riso

Cocò 2012-07-27 Media Voti 5,0 su: 1

1 commenti:

Mila ha detto...

Buonissima e molto molto invitante!
Tra i tre direi che Buddy sta spopolando! Pazzesco...

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!