2014-12-04

Stavolta nel mio peregrinare in nome del gusto ho scovato davvero una chicca. La recensione è stata pubblicata oggi su Diritto di Cronaca.
Raffinatezza, gentilezza e cura per chi entra caratterizzano questo piccolo locale nel centro di Cosenza. All'Antica Locanda dal povero Enzo si lavora con serietà, organizzazione e dedizione come in una danza dell'accoglienza della quale si ha presagio prima di varcare la soglia. 
Chi arriva deve bussare per essere degnamente accolto in un ambiente elegante e caldo dove l'ospitalità è la prima cosa che ti colpisce, sottofondo musicale di jazz, sorriso del personale e qualche coccola di benvenuto (un calice di vino e un piccolo amuse-bouche) ti mettono subito a tuo agio quale preludio di una serata che si farà ricordare.
La carta è ricca tanto da farci venir voglia di assaggiare quasi tutto e varia al mutare delle stagioni. Ed i effetti i piatti che ci vengono presentati hanno il sapore, i profumi e i colori dell'autunno. Iniziamo con un tortino di patate e porcini adagiato su una crema di primosale. 
Proseguiamo con un carpaccio di manzo con generosa grattugiata di tartufo del Pollino, segue un tortino di porcini con cuore di patate viola su crema di cicorietta selvatica e dressing di pomodoro.
Ma quel che ci scalda davvero il cuore è un piatto che nel menù viene chiamato Transumanza e di cui sembra davvero un ricordo: un piccolo hamburger di podolica al dolce latte con uovo di quaglia e tartufo nero del Pollino.
Concludiamo gli antipasti con un crostone al lardo di Colonnata con miele di fico dottato. Anche ai vini viene riservata grande cura ed attenzione ed in effetti scegliamo di farci guidare dal personale nell'accostare i vini ai piatti degustati, del resto qui si può visto che il servizio al calice va per la maggiore.
Le lune ripiene alla zucca rossa mantecate al burro chiarificato di liquirizia e impreziosite da croccantezze di guanciale e primosale con polvere di patate vitellotte sembrano un quadro d'autore che quasi si ha dispiacere di rovinare, ma il dispiacere dura poco per lasciare spazio alla voluttà visto il gusto pieno, rotondo e insolito, in cui il dolce e il salato si rincorrono in un gioco d'amore.

La tagliata di razza podolica accompagnata da perfette patate 'mpacchiuse profumate d'origano e una fetta di poricno grigliato sono l'esempio perfetto di un piatto ben equilibrato.
Il petto d'oca è servito con con arancia e condito con un sale particolare (tanti sono i sali diversi in carta) e germogli e la guancia stracotta alla liquirizia con le patate sottocenere sembra un piatto d'altri tempi vestito di nuovi abiti quasi a volerci ricordare la buona cucina di una volta.

I dessert sono ben costruiti. Stupisce il marshmallow ghiacciato con chantilly alla nocciola e velluto di ananas, originale nel gusto e nella presentazione e poi la pasticceria intelligente che sfrutta il dolce naturale presente negli ingredienti come la mousse di marroni senza zucchero con gelato all'alloro, crumble ai tre cioccolati, gelatina al magliocco e spugna al pistacchio. Ma non è da meno neppure la piramide ai fichi con bignè farcito e crumble al cioccolato.
Al termine della cena si ha la certezza che tutto, dall'ambiente al personale passando per i piatti (i veri protagonisti) siano i tasselli di un mosaico ben incastrati tra loro. Si raccomanda solo di prenotare al resto pensano loro.
Antica Locanda dal Povero Enzo
Via Montesanto 42 – 87100 Cosenza
Tel 098428861 pikkiogroup@libero.it861
Reazioni:
Categories:

Davvero una chicca...Antica Locanda dal Povero Enzo a Cosenza

Cocò 2014-12-04 Media Voti 5,0 su: 1

2 commenti:

Mirtilla ha detto...

questi piatti hanno un aspetto delizioso!!!
un bacione,Patrizia

CoCò ha detto...

Patrizia lo sono ed è davvero emozionante degustarli nel luogo giusto

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!