2016-04-14


Per Diritto di Cronaca stavolta mi sono fermata a Le Clarisse.
Nel centro storico di Amantea in una posizione in cui si domina la costa tirrenica si erge il Palazzo delle Clarisse. Costruito nel 1620, è stato per due secoli il Convento delle Clarisse del comprensorio di Amantea. Il Convento fu acquistato nel 1812 dal Marchese De Luca di Lizzano che lo trasformò in palazzo nobiliare. 
Dopo un periodo di abbandono  nel 1988, con grande intuizione dell'attuale proprietario Prof. Fausto Perri, il palazzo venne restaurato ed ospita ora un hotel ed un ristorante di qualità. La location come potete immaginare è tra le più ambite, così suggestiva ed affascinante sotto ogni profilo ma è solo la cornice di quello che mi appresto a definire un quadro di grande valore ovvero la cucina di Andrea Zazzaro che è qui da meno di un anno ma ha già dato prova della grande personalità che anima la sua giovane e pur esperta mano tra i fornelli.

All’arrivo veniamo accolti con professionalità ed estrema gentilezza, il tempo qui pare si sia fermato, l’ambiente è fresco e rilassato e la musica in sottofondo contribuisce a renderlo tale, basta poi gettare lo sguardo oltre le vetrate dei balconi per lasciare gli occhi (e il cuore) sul mare che sta di fronte, le opere d’arte alle pareti (falsi d’autore di grande pregio e valore) fanno il resto.  
Non si può che accomodarsi ad uno dei tavoli apparecchiati a dovere già ben disposti verso quello che verrà. Si capisce subito quando quello che verrà ha qualcosa di particolare, i dettagli fanno la differenza e sono dettagli i piatti con lo stemma nobiliare, il cameriere in divisa e il cestino con ben quattro tipi diversi di pane appena sfornato. Tra gli antipasti proposti assaggiamo una seppia scottata su bietoline con salsiccia, peperoni arrostiti e spugna di peperoni un piatto di grande gusto ed equilibrio oltre che di ineguagliabile bellezza. Non è da meno il filetto di pesce castagna su crema di patata viola con sfoglia di quinoa, miele d’acacia e germogli. 
Nei primi si serve pasta di Gragnano del rinomato Pastificio Gentile:  le linguine ci vengono proposte in un inconsueto accostamento con asparagi, gamberi e bottarga, un insieme che si completa egregiamente con una nuvola bianca di caciotta. Gli spaghettoni ci lasciano senza parole con il loro condimento equilibrato e suadente di vongole, crema di melanzane affumicate e n’duja di Spilinga.

 Tutti i piatti presentati denotano uno studio ed un’attenzione quasi maniacale nel realizzare accostamenti che suscitano stupore ed ammirazione e che solo all’occhio profano possono apparire azzardati. 
L’ombrina ci viene presentata con salsa alla pizzaiola, patate affumicate, carciofo e insalata di fave. Il baccalà è servito con crema di cipollotti, cime di rapa e peperone crusco con polvere di olive. Due piatti davvero piacevoli, di pura esaltazione del territorio.

Tra i tanti ed originali dolci proposti assaggiamo un’aerea mousse di ricotta con cioccolato e agrumi su base di colomba, guarnita da un delizioso e femminile macaron al cioccolato. Non è assolutamente da meno la mousse al cioccolato con arachidi, crumble alle mandorle e gelato, un fresco piacere dal primo all’ultimo boccone.
Il palazzo che, con la sua cappella posta sullo scalone d’ingresso e le sue sontuose sale, è la location perfetta per matrimoni in grande stile, diventa il posto ideale per una sosta rilassante e piacevole come quella che vi ho appena narrato che si può completare e, perché no, ampliare, alloggiando in una delle graziose suite poste all’ultimo piano e ricavate dalle celle delle monache che ivi risiedevano.
Ristorante Le Clarisse
Palazzo delle Clarisse
Via Indipendenza, 27
87032 – Centro Storico Amantea (CS)
Tel. 098242033

https://www.facebook.com/leclarisse.amantea
Reazioni:
Categories:

Ristorante Le Clarisse ad Amantea (CS), l'azzardo che suscita ammirazione

Cocò 2016-04-14 Media Voti 5,0 su: 1

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!