2009-06-24

Ci sono dei piatti che assaggiamo magari una volta per caso nella vita e ci restano così impressi che cerchiamo poi di ritrovarli con i nostri sensi, di riprodurli con i nostri mezzi immaginando quali fossero gli ingredienti e la ricetta originale. Spesso si raggiunge facilmente il risultato, altre volte passiamo anni a cercare la combinazione perfetta, a volte dopo numerosi tentativi falliti rinunciamo all’impresa altre ancora rinunciamo in partenza cercando però di ritrovare quel gusto in un posto diverso dalla nostra cucina.
Io soffro spesso di questa “malattia” perché il mio palato quando gradisce qualcosa ha la capacità di registrarne ogni minima sfumatura e non si arrende poi facilmente nella ricerca del “sapore perfetto”.
Nell’estate del 2007 capitai a Roma nella speciale gelateria FataMorgana, dove i gusti del gelato non sono affatto scontati, assaggiai in quell’occasione, tra gli altri, il gelato al gusto di riso nero e rosa, fantastico per colore, consistenza, aromi. Per ben due anni quel gusto è rimasto stampato nel mio cervello ma non avevo assolutamente idea di come realizzarlo, avevo pure pensato di scrivere alla gelataia per farmi dare la sua ricetta ma non ne ho avuto il coraggio immaginando che chi faccia di un’arte un business difficilmente abbia voglia di condividere i suoi segreti col pubblico.
Ma come si dice chi la dura la vince e stavolta si son date una serie di combinazioni che mi hanno portata alla realizzazione di quel famoso gelato, ovviamente la ricetta è mia, una mia personalissima elaborazione fatta di varie esperienze ed un pizzico di intuizione.
Il punto di partenza è stata una bottiglietta di Sciroppo di Rose di Pietro Romanengo, una vera rarità che ho potuto provare grazie ad Esperya. Vi dirò che neppure conoscevo l’esistenza di tal prodotto, eppure la famiglia Romanengo lo produce da secoli (beata ignoranza), comunque se vi dovesse capitare per le mani ricordatevi di provarlo anche semplicemente diluito con acqua e qualche goccia di limone, è una dissetante ed insolita bevanda.
Il riso Venere nero Gli Aironi per fortuna non manca mai nella mia dispensa ed allora se due più due fan quattro…
Gelato al riso nero e rosa
Ingredienti per 4 porzioni:
50 g di riso nero Venere nero Gli Aironi
250 ml di latte
1 pz di sale
110 g di zucchero semolato
3 cucchiai di Sciroppo di Rosa Pietro Romanengo
la scorza di mezzo limone
1 cucchiaino da caffè di vaniglia liquida
250 ml di panna fresca
Lessiamo per mezz’ora il riso in acqua non salata. Buttiamo l’acqua e rimettiamo il riso sul fuoco con il latte, lo zucchero meno due cucchiaiate, il sale, la scorza del limone e la vaniglia e lasciamolo cuocere finché il liquido non risulterà completamente assorbito (cercate di resistere all’impulso di mangiarvelo tutto mi raccomando). Intanto scaldiamo la panna con i due cucchiai di zucchero tenuti da parte e i restanti due cucchiai di Sciroppo di Rose. Aggiungiamo il riso (privato della scorza di limone) al composto di panna e mescoliamo bene. Lasciamo raffreddare e poi mettiamo in freezer mescolando di tanto in tanto per ottenere un gelato ben mantecato. Se avete la gelatiera invece seguite le istruzioni per la realizzazione del gelato.
Reazioni:

Gelato al riso nero e rosa

Cocò 2009-06-24 Media Voti 5,0 su: 1

8 commenti:

lenny ha detto...

Bravissima: mi hanno parlato del gelato al riso, come uno dei gusti migliori e mi ero così incuriosita dal volerlo sperimentare.
Poi avendo il riso nero venere, avevo pensato di usarlo per il gelato, ma alla fine ho desistito, perché non avendolo mai assaggiato, non sarei stata in grado di valutarlo ....
Ora con la tua ricetta vado sul sicuro!!!
Chapeau :))

P.S.: lo sciroppo di rose è una vera chicca imperdibile!

Elga ha detto...

Questa per me è pura innovazione! Complimenti:))

Federica ha detto...

Wow che bella ricetta!!chissà che buono!!

Saretta ha detto...

Io ho l'acquolina che cresce!!!
L'aroma del venere, la delicatezza dello sciroppo di rose..dev'essere sublime!Cocò sei troppo brava....

CoCò ha detto...

@Lenny anche il tuo gelato alla rosa doveva essere ottimo e ti dissi in quella occasione che qualcosa mi frullava in mente, era giusto questo
@Elga tra noi bloggers ci innoviamo in continuazione
@Federica è una vera goduria
@Saretta e poi prende un colorino rosato che chiunque attribuirebbe alla rosa e che è invece merito del riso cotto nel latte

lenny ha detto...

Leggendo il post e ricordando il tuo commento ho collegato le due cose: sei mitica :))

velia ha detto...

Il gelato al riso è il mio preferito e quando arrivo in gelateria e non c'è mi dispero.....
Ora vorrei provarlo a fare a casa visto che qui al locale non ho il congelatore....
Ora te lo copio!

CoCò ha detto...

@Velia prova e mi saprai dire, mi fa piacere leggerti ho così poco tempo per seguirvi tutti

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!