2009-07-28

Delle virtù della bruschetta vi ho ampiamente parlato e molti di voi sapranno che nell’Italia meridionale più che il pane per la bruschetta estiva utilizziamo le freselle, una sorta di focaccine che dopo una prima cottura vengono tostate in forno fino a farle diventare croccanti, in alcuni casi tanto croccanti da doverle inumidire con acqua prima dell’utilizzo. Grazie alla cottura doppia questo tipo di pane si conserva molto a lungo.
Si possono realizzare con semplice farina bianca o con farina integrale io ho fatto un misto tra la farina 0 tipo biscotto e la farina di Kamut, entrambe biologiche di Plurimix-point. Anche per le dimensioni fate voi, io personalmente adoro le miniature ed anche in tal caso invece della classica fresa da 18-20 cm di diametro ne ho realizzate di piccoline (10 cm c.a.)
Non mi ero mai cimentata nella realizzazione delle freselle e sono rimasta molto entusiasta del risultato, anche se mi è quasi partito il pollice sinistro durante le operazioni di taglio prima della seconda cottura, ma questa è un’altra storia.
Per 24 freselle occorrono:
300 g di farina 0 tipo biscotto
100 g di farina di kamut
12 g di lievito di birra fresco
250 ml c.a. di acqua
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di olio extravergine d’oliva
Amalgamiamo il lievito con un po’ di farina e acqua appena tiepida, tanta da formare un composto molle. Lasciamolo riposare per 15- 20 minuti finché vedremo le bollicine e inizierà a gonfiare. Uniamolo alla restante farina, l’acqua, il sale e l’olio e lasciamo lievitare fino al raddoppio. Sgonfiamo il composto e ricaviamone 12 pagnottine tonde che passeremo nella farina schiacciandole e ricavandone al centro un foro. Lasciamo lievitare le focaccine ottenute sulla teglia, prima di infornarle alla massima temperatura. Tolte dal forno dividiamo in due metà ogni focaccina tagliandola come per farcirle, rimettiamole in teglia, con la parte tagliata rivolta verso l’alto e poniamole di nuovo in forno a biscottare. Potete farcirle con il pomodoro, l’olio, il sale e l’origano come si usa da noi ma anche con tutto quello che vi viene in mente.
Ovviamente se vi fermate alla prima cottura otterrete delle simpatiche e gustose focaccine da consumare in giornata farcite anch’esse come più vi aggrada.
Reazioni:
Categories:

Le freselle di kamut

Cocò 2009-07-28 Media Voti 5,0 su: 1

7 commenti:

Federica ha detto...

wow che belle!! mi segno la ricetta!!

la farina 0 tipo biscotto come la sostituisco???

grazie Federica

Mimmi ha detto...

Che belle anche cosí prima della "biscottatura"!!
Io me la segno, poi me la magno!

fiorix ha detto...

carissima ma io ti seguo sempre e ora grazie a ste freselle scopro che sei calabrese anche tu..di cosenza!!quasi vicine ehh..wow cmq anche qui da me le freselle in estate non mancano mai!baci a presto!

manu e silvia ha detto...

Ciao! davero bravissima! noi le abbiamo assaggiate, ma mai provato a prepararle da sole§1 poi con questa farina diversa devono essere da provare!
bacioni

Secret Spy ha detto...

Trovo che l'utilizzo della farina di Kamut sia una scelta davvero inconsueta ed interessante. Io l'ho provata, è davvero saporitissima !!! Brava !!!

CoCò ha detto...

@federica usa tranquillamente una 00 mista ad una 0 magari
@Mimmi infatti in versione focaccina le ho provate con primosale e cotto, una favola
@Fiorix e tu di dove sei di preciso? Dai che magari ci si vede una volta o l'altra
@Manu e Silvia grazie la farina di kamut è delicata e molto gustosa
@Secret Spy è davvero una farina gustosa

Anonimo ha detto...

ciao! Io sono pugliese proprio del paese dv si fanno le Friselle!! buonissime cn pomodoro olio e origano!! noi le usiamo bagnare 1 pò prima ma sn buone anke così "a crudo!" :)
Ali

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!