2015-04-20

Canovaccio ricamato Busatti
A primavera i prati sono tutti un fiorire, asparagi, bruscandoli, aglio orsino, tarassaco solo per citarne alcuni, il rischio è quello di sbagliare e restare magari avvelenati ricordiamoci infatti che molte erbe a piccole dosi sono medicinali a grandi dosi veleni.
La conoscenza in materia ritengo non sia mai troppa, la natura offre molto bisogna solo conoscerla e capirla e i libri aiutano molto. In una recente pubblicazione RED! In cucina con le ERBE SELVATICHE di Diane Dittmer ho trovato spiegate nel dettaglio tanteerbe che vedevo anche nel mio giardino o ai bordi delle strade (praticamente sotto al naso) senza neppure immaginare che fossero commestibili ed anzi si  potessero trasformare in succulenti piatti come quelli spiegati e illustrati nel libro. Una vera caccia al tesoro ordinata per stagioni in cui ho scoperto che la primavera è il momento giusto per farsi conquistare dall'abbondanza di erbe rinforzanti e cariche di vitamine, come dire la natura ci offre quello che ci serve.
Le uova per me sono primavera, rinascita, vita, se poi vengono presentate in "nido" di pane con tanta buona cicoria selvatica e ricotta la festa è assicurata, tanto più se il quadro viene completato da un ingrediente speciale come il salame d'oca cotto di Mortara una specialità della città di Mortara prodotto da Corte dell'Oca, con carne magra d'oca e ingrasso e carne di suino tritate, conciate con sale pepe e altri aromi naturali e insaccate nella pelle dell'oca opportunamente trattata.
Un prodotto di eccellenza che può esser gustato tal quale come antipasto ma anche come secondo piatto, scaldato a bagno o a vapore, con contorni di purea di patate, spinaci o lenticchie in umido. 
http://www.cortedelloca.com/home.html
Un prodotto molto apprezzato, il prodotto di punta della Corte dell'Oca l'azienda di Gioachino Palestro nata nel 1988 con l'intento di rivalutare le antiche ricette della Lomellina e in particolare dell’oca.

Le Oche, regine indiscusse della Corte de Gioachino,  vengono seguite e controllate ancora prima che nascano; vivono libere in grandi spazi aperti nelle cascine lomelline mangiando mais, erba e riso; sono seguite da veterinari e da personale specializzato nella sicurezza alimentare che ne controllano lo stato per tutto il ciclo vitale garantendo in questo modo la genuinità e l’integrità fino al  prodotto finale che vi assicuro è un prodotto da provare.
Che ne dite di iniziare provando il salame cotto di Mortara in questi nidi di primavera? A voi la ricetta
Nidi di primavera con uova cicorie e salame cotto di Mortara
Ingredienti per 4 persone:
4 piccole rosette
4 uova biologiche
4 fette di salame cotto di Mortara spesse 8 mm
300  g di cicoria lessata
200 g di ricotta fresca
olio extravergine d'oliva
1 spicchio d'aglio
1 noce di burro
noce moscata
sale e pepe
Saltare la cicoria con olio e aglio, eliminare l'aglio e regolare di sale, tagliuzzare la cicoria e unirvi la ricotta, sale, pepe e noce moscata. Suddividere il composto in quattro terrine da forno. Togliere via la calotta superiore alle rosette, scavarle e dopo aver imburrato appena il pane rompervi un uovo, salare, pepare e aggiungere una fetta di salame a dadini e procedere allo stesso modo formando altre tre terrine. Infornare a 190° finché i nidi risulteranno dorati e il salame croccante.
Reazioni:

Di erbe selvatiche salami d'oca e nidi di primavera

Cocò 2015-04-20 Media Voti 5,0 su: 1

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!