2015-07-03

La cucina romana è a mio parere tra le più interessanti del panorama nazionale. Senza rendermene conto è una delle cucine che meglio conosco, non so perché, non so per come ma molte delle ricette di tradizione romana le ritrovo nella tradizione della mia famiglia, forse una sorta di affinità di gusti ma carciofi, bucatini, crostini, mozzarella in carrozza, trippa e coda preparate più o meno secondo quella che scopro essere la tradizione romana sono piatti che ho mangiato fin da bambina.
Roma in cucina è una delle ultime pubblicazioni firmate SimeBooks. Testo a fronte in inglese, tante ricette e foto suggestive a raccontare la cucina romana, i suoi sapori decisi e mai banali, i suoi prodotti, i suoi vini e i luoghi del mangiare bene a Roma e dintorni. A  sfogliare le pagine del libro, prezioso come gli altri della medesima collana anche per la ricchezza d'immagini, verrebbe voglia di calarsi come per magia nelle vie di Roma, quelle nascoste al traffico e/o meno note ai più, per assaporare la capitale a tavola magari in qualche piccola e tipica osteria o trattoria che profuma di cose buone e di quella dolce vita di cui ormai vi è solo il ricordo.
Di ricordi è fatto Menù Letterario tipico romano il libro di Claudo Gargioli pubblicato da Atmosphere Libri per raccontare la cucina di Armando al Pantheon storico ristorante romano  indicato come uno dei migliori dieci della Capitale e situato a pochi metri da una delle più belle piazze italiane. Ricette che si alternano a racconti, ricordi e personaggi che sono in qualche modo legati all'Armando di cui Gargioli è chef. Leggendo gli aneddoti riportati nel libro sembra davvero di andare indietro nel tempo immergendosi nella Romana che abbiamo conosciuto attraverso i film di Sordi e De Sica.
Ma a Roma non si vive solo di ricordi, c'è anche chi guarda molto avanti come il bravissimo Alessandro Circiello con la sua cucina "alta ma sana". Ce ne da saggio nella monografia curata da Valeria Arnaldi per Edizioni Ultra Food District Ricette da Star con Alessandro Circiello Non per nulla alla sua giovane età Circiello ha ottenuto una miriade di riconoscimenti ed è uno degli chef più amati dai nomi noti del mondo dello spettacolo e della politica. La sua è una cucina all'insegna di fantasia e sobrietà. Cucina creativa ed elegante  oltre che sana, come dicevo, piatti buoni in tutti i sensi, che fanno bene all'umore e al fisico in cui ,in qualche modo, qua e là spunta la tradizione romana.
Dicevo di avere una certa inspiegabile familiarità con la cucina romana, quasi con tutto tranne che con i mitici maritozzi romani. Nelle mie frequenti visite romane del periodo universitario raramente me ne sono concesso uno (ci ritrovavamo sempre a rinviare l'appuntamento con il maritozzo troppo pannoso per i nostri gusti di allora).
Tempo fa provai a riprodurli a casa con esiti disastrosi e non tornai più sull'argomento finché in Dolci Regali l'ultimo libro della collana dell'MTChallenge  a cura di Alessandra Gennaro edito da SAGEP non mi sono ritrovata ancora -  tra invitanti e creative ricette di babà, kugelhupf e altre brioche -  davanti ad una ricetta di maritozzi che ho subito capito essere perfetta.
Il libro in effetti è un tripudio di irresistibili ricette di dolci. Effimeri, immorali, superflui, dispendiosi i dolci sono segno di ricchezza e potere regale in particolare quelli del libro: i veri dolci “regali” che apparvero sulle tavole imbandite dei re, a simboleggiarne il potere con le loro forme soffici e tonde, allusive di un potere e di una ricchezza sfrontati e che si ritrovano anche sulle mense dei poveri, come assaggio di una prosperità confinata, per loro, al solo palato. Nel libro anche tante ricette di sciroppi, creme, liquori fatti in casa e confetture. Le bellissime fotografie di Paolo Picciotto e le altrettanto preziose illustrazioni di Mai Esteve rendono il libro, con le sue oltre cento ricette scenografiche a vedersi e deliziose a gustarsi, davvero imperdibile come gli altri della collana del resto.
Ho provato la ricetta dei maritozzi che è di Greta De Meo di Greta's Corner ed il risultato è quello che volevo.
Maritozzi
Ingredienti per 24 pezzi
lievitino:
50 g di farina
10 g di lievito liofilizzato
10 g di zucchero
50 ml di acqua tiepida
impasto:
400 g di Manitoba
200 g di farina
120 ml di olio extravergine d'oliva leggero
4 uova intere
75 g di zucchero semolato
150 g di uvetta sultanina
100 g di pinoli tostati
100 g di scorza d'arancia candita
la scorza di un'arancia grattugiata
sciroppo:
100 g di zucchero
200 ml di acqua
Lievitino: sciogliere il lievito nell'acqua tiepida con lo zucchero, e versare sulla farina mescolare e lasciar lievitare la pastella fino al raddoppio.
primo impasto:
Setacciare le farine. Metterne 200 g nella planetaria, aggiungere 2 uova, 40 ml di olio e il lievitino. Lavorare a bassa velocità fino all'incordatura.
Trasferire l'impasto in una ciotola unta e coprire con pellicola, lasciando lievitare tre ore. 
Secondo impasto:
Rimettere l'impasto nella ciotola della planetaria, unire il resto della farina, le uova, lo zucchero, il sale, la scorza grattugiata dell'arancia. lavorare con il gancio unendo l'olio poco alla volta. L'impasto dev'essere morbido ma non appiccicoso. Aggiungere canditi, uvetta e pinoli e suddividerlo in 24 pagnottine dando alle stesse una forma ovale. Disporle in teglia ben distanziate e far lievitare circa 6 ore. Cuocere a 200° per 9-10 minuti, fino a doratura. Spennellare con lo sciroppo e lasciar raffreddare prima di servire farciti con la panna.
Reazioni:

Il dolce regale romano: sua maestà il maritozzo con la panna

Cocò 2015-07-03 Media Voti 5,0 su: 1

4 commenti:

Greta ha detto...

grazie Concetta, sono contenta che ti sia piaciuta e sono contentissima che sia riuscita bene, il mio piccolo lavoro per quel libro è stata un'esperienza fantastica :)

CoCò ha detto...

Greta ti dirò ho scelto la ricetta senza guardare l'autore poi ho visto che era tua e mi ha fatto ancora di più piacere. Un abbraccio

~ Inco ha detto...

Quanto vorrei essere li a gustare questo maritozzo.
Complimenti per il blog.
<3

CoCò ha detto...

Inco grazie anch'io ne vorrei uno oggi li rifaccio e ti chiamo

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!