2009-02-09

Il titolo è un programma ma la ricetta è di una semplicità disarmante. L’unica difficoltà… la ricerca della materia prima, d’eccellenza ovviamente!
Voglio fare una piccola premessa, nell’ultimo libro di Jamie Oliver trova posto un capitolo dedicato alle uova leggendo il quale ho capito molte cose, prima fra tutte che spesso frettolosamente al supermercato buttiamo nel carrello la prima confezione di uova che ci capita a tiro, guardando magari la scadenza e la grandezza del prodotto, senza però prestare nessuna attenzione a quella sigla stampigliata sulle uova ed in particolare a quel numeretto iniziale. Se però ci chiediamo come vengono allevate ste povere galline in gabbia e cerchiamo di darci una risposta credo che la prossima volta presteremo più attenzione a quello che acquistiamo.
Quindi perché non spendere qualche centesimo in più per un prodotto migliore?
Da queste riflessioni è partita la mia ricerca verso le uova migliori esistenti sul mercato e la ricerca è approdata su Esperya dove ho potuto ordinare le uova di Paolo Parisi…dal guscio bianchissimo e dal sapore eccellente che non ho voluto manipolare troppo per assaporarle in tutta la loro semplicità.
Mi è venuta in soccorso una gustosa ricetta di Stefano Buso letta appunto nel suo Mangiabbinando, che ho lievemente modificato secondo il mio gusto. L’originale prevedeva delle uova al tegamino ripassate in forno con pangrattato, paprica e parmigiano, le mie son diventante delle uova in camicia ripassate in forno con gli stessi ingredienti, per prepararle occorrono pochissimi minuti del vostro tempo ed il risultato, son sicura, vi ripagherà alla grande.
Ingredienti per 2:
2 uova da allevamento biologico
2 cucchiaini di olio
2 cucchiaini di pangrattato
2 cucchiani di parmigiano
1 cucchiaino di paprica dolce
Sale
Prepariamo le uova in camicia, vi assicuro non è difficile basta impratichirsi un po’. Portiamo a bollore dell’acqua in una pentola dai bordi alti, quando l’acqua bolle versiamo un uovo in una tazzina e formando con una frusta un mulinello d’acqua versiamolo al centro dello stesso, in pochissimi minuti l’albume si rapprenderà attorno al tuorlo che resterà cremoso e l’uovo sarà pronto, adagiamolo in una teglina dove avremo versato un cucchiaino d’olio e procediamo allo stesso modo con l’altro uovo.
Mescoliamo parmigiano pangrattato e paprica e versiamoli sulle due uova, cospargiamo con un pizzico di sale ed inforniamo per 5 minuti a 180°. Una favola…

P.S. Un piccolo vademecum per il lettore distratto: la cifra 0 stampigliata all’inizio della sigla sulle uova indica uova da allevamento biologico, la cifra 1 uova da allevamento all’aperto, il 2 uova da allevamento a terra (al chiuso) e il 3 infine le uova da batteria, ovvero di galline allevate in gabbia.
Reazioni:
Categories: ,

Le uova di Parisi alla maniera di Buso

Cocò 2009-02-09 Media Voti 5,0 su: 1

9 commenti:

adina ha detto...

cocò, non sapevo proprio queste sigle delle uova! adesso vado a casa e controllo.. notizia utilissima. le ho mangiate le uova di parisi, sono davvero ottime.. anche se, confesso, usarle tutti i giorni non è davvero possibile, 5 euro, 4 uova... van benissimo mangiate pure, o poco elaborate, in questo son d'accordo! :-))

CoCò ha detto...

@dina per il rpezzo hai ragione su Esperya 6 uova 6 euro mi pare però per mangiarle in purezza va benissimo stiamo parlando del top in fatto di uova. Per tutti i giorni ti assicuro che anche al super si trovano delle buone uova biologiche 1,30-1,50 per 4 che non è tanto

Lo ha detto...

io sono fortunata posso comprare delle ottime uova biologiche di galline libere allevate con amore qui ad un passo da casa...sono contenta perchè questa cascina riesce a portare le sue uova in tutta la provincia di Varese...le proverò con questa semplice ma gustosa idea!

CoCò ha detto...

@Lo sei veramente fortunata e son sicura che se ognuno di noi si guardasse intorno troverebbe il contadino che vende uova e verdure fresche a due passi da casa solo che a volte siamo pigri

Anonimo ha detto...

Accolgo con piacere che le mie creazioni vengano rivisitate e in modus intelligente.
Grazie ancora a te e alle cantinaia di persone che hanno comprato il mio libro.
s.buso

CoCò ha detto...

@Stefano l'idea era troppo golosa per non apprfittarne, grazie

Le Vinagre ha detto...

ottime queste uova...le faccio spesso perchè nonostante siano un piatto dell'ultimo minuto mi fanno impazzire...in tutte le salse!!!
complimenti per il blog!!!

caravaggio ha detto...

ottima ricetta buon fine settimana

CoCò ha detto...

@Le vinagre anch'io adoro le uova in tutte le salse appunto
@Caravaggio grazie ricambio

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!