2010-02-15

riciclo pane Il titolo del post di oggi è tutto un programma. Ovviamente per capirmi dovrete seguirmi nel discorso che sto per farvi. Ho sempre amato utilizzare gli avanzi perchè penso che stimolino fortemente la creatività permettendoci di portare in tavola nuove e originali preparazioni, con il vantaggio che partendo da un prodotto, come dire, "semilavorato" ci agevoliamo spesso il lavoro.
Per tale motivo ho subito pensato che avrei trovato interessante "Avanzi popolo" di Letizia Nucciotti ed. Stampa Alternativa/Nuovi Equilibri solo leggendo il sottotitolo del libro L'arte di riciclare tutto quello che avanza in cucina. Storie, ricette e consigli. Avrete già sentito parlare del libro che sta in effetti, e a giusto titolo, raccogliendo ottimi consensi ma io, non avendo avuto modo di leggere il primo libro dell'autrice "L'antichef", non potevo immaginare che fosse così geniale. Le ricette e le idee di riutilizzo che ci fornisce, in stile pulito, semplice e molto comunicativo, sono particolarmente utili e azzeccate ma le storie o meglio i ricordi che sono disseminati qua e là nel libro lo rendono un volume indispensabile di quelli che sulla mensola della libreria ci restano poco tanto è piacevole averlo tra le mani.
Mi sono soffermata con particolare attenzione sul capitolo dedicato al riutilizzo del pane poichè, esclusi i soliti crostini ed il pangrattato, mi capita a volte, mio malgrado, di darlo alla pattumiera e questa ovviamente è una cosa che non sta bene. Questa la prima premessa, cui dovete aggiungere una spettacolare Treccia di Bufala Campana DOP del caseificio Serra giuntami a casa per via Esperya, una voglia smisurata di mozzarella in carrozza e tanti interrogativi da parte mia "e se evitassi il fritto?" "E se invece del pancarrè utilizzassi quelle fette di pane casereccio raffermo?" "E se quello sformato di formaggi prosciutto e pane raffermo della Nucciotti lo reinterpretassi a mio modo?". Ne sono nati dei croccanti sformatini che per ingredienti e vagamente per gusto ricordano la mozzarella in carrozza che ho chiamato ironicamente Ricordo di mozzarella in carrozza.
Se vi va di provare prendete nota degli ingredienti:
2 grosse fette di pane casereccio raffermo
1 uovo
1 bicchiere di latte (150 ml c.a)
Mozzarella o Treccia di Bufala Campana DOP
4-5 filetti di alici sotto sale
sale e pepe nero
olio extravergine d'oliva
origano
Tagliamo le fette di pane a quadratini sottilissimi e immergiamoli nel composto preparato con latte, uova, sale e pepe, di modo che se ne imbevano. Imburriamo due cocotte e sistemiamo sul fondo di ognuna uno strato di pane ammollato. Distribuiamo sopra il pane, le fette di mozzarella e i filetti di alici già puliti dal sale. Copriamo con il restante pane lasciando la superficie ben increspata, quindi senza schiacciare in dentro gli angoli delle fettine. Irroriamo con un filo d'olio e una spolverata di origano, se piace. Inforniamo a 200°C fino a completa doratura.
Reazioni:

Ricordo di mozzarella in carrozza

Cocò 2010-02-15 Media Voti 5,0 su: 1

5 commenti:

CucinaItaliana ha detto...

Ciao!
Partecipa anche tu al concorso del mese de LA CUCINA ITALIANA: IL BRASATO!

Per maggiori info:

http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=


Scade il 10-03-10.
Buon lavoro!

Fico e Uva ha detto...

L'arte del riciclo è un toccasana per fantasia e portafoglio!!
ciao ciao fico&uva

manuela e silvia ha detto...

Un'idea diversa, ma altrettanto gustosa e sfiziosa!
baci baci

Anonimo ha detto...

Ciao! complimenti il tuo blog è bellissimi!...però in questa ricetta non hai scritto quando mettere la mozzarella....Mary

CoCò ha detto...

@ Mary grazie ovviamente andavano prima dei filetti di alici ora correggo meriti un premio per essere stato così attento

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!