2011-02-17

Non so se appartenete al popolo che non perde nemmeno un'immagine del Festival di Sanremo, compresi dibattiti, dietro le quinte e collegamenti da altri programmi, o a quello che il Festival neppure sotto tortura. Comunque la pensiate nei giorni dedicati a Sanremo la Tv si blocca e in effetti, "Premier" a parte, si parla solo del Festival della Canzone Italiana e se non lo amate le chances non sono poi molte e quindi il mio consiglio è quello di leggere un libro simpatico che vi aiuti a trascorrere le serate. Qualunque sia la vostra scelta avrete certamente bisogno di qualcosa da sgranocchiare e mi permetto di darvi una ricettina golosa, dei croccantini dolce-salati che normalmente si adattano all'aperitivo. La ricetta è della bravissima Viviana Lapertosa però sono ormai tante le volte che l'ho fatta che la sento un po' mia. Per la frutta secca ovviamente Noberasco, pistacchi e noci opportunamente già sgusciati permettono di semplificare ancor più la preparazione.
Croccantini da aperitivo
Ingredienti:
150 g di noci 
150 g di pistacchi
2 cucchiai colmi di zucchero di canna
2 cucchiaini di sale
Scaldare una padella antiaderente, io utilizzo quella in ceramica di Pedrini, e versarvi la frutta secca dopo aver un po' spezzettato le noci, unire lo zucchero e il sale mescolando bene finché risulteranno caramellati.
Alcuni pezzi resteranno attaccati tra loro proprio come il croccante.
Ora pronti i croccantini vi aiuto a scegliere pure il libro da abbinare, se vi fidate di me non incapperete nel classico mattone che dopo venti pagine siete già tra le braccia di Morfeo.
Voglio portarvi a rivivere l'atmosfera della Dolce Vita e per farlo l'ideale è il libro di Franca Foffo E le stelle stanno a mangiare La Dolce Vita continua per Sovera Edizioni.  E' il diario di Mimmo il patron della Taverna Flavia di Roma, il ristorante la cui soglia hanno varcato i più grandi personaggi dello star system. I  vizi, le virtù e tanti segreti dei divi ce li svela l'autrice, dando voce nel libro allo zio Mimmo che ha vissuto gli anni della Dolce Vita. Un volume ricchissimo di fascino e avvincente come un romanzo che mi ha conquistata sin dalla prefazione e che durante la lettura offre magari lo spunto per rivedere vecchie pellicole dell'epoca gloriosa del cinema romano.
Per restare sempre nel tema del cinema L'abbuffone Storie da ridere e ricette da morire, il libro del grande e indimendicato Ugo Tognazzi riedito da Avagliano. Un volume ricchissimo di ricordi e di splendide ricette, un vero regalo che l'attore con "il vizio del fornello" come amava definirsi ha voluto farci. Un libro che ci permette di ricreare a casa nostra qualcuno dei piati delle sue, ormai leggendarie, tavolate da gustare magari con la giusta compagnia davanti ad uno dei suoi, non meno leggendari,  film.
I miei consigli terminano oggi qui e se vi ho annoiato scusatemi tanto ma i croccantini provateli non ve ne pentirete.
*La raviera in  Fine Bone China appartiene alla linea La vie en rose di Wald
Reazioni:

Sanremo o un bel libro?

Cocò 2011-02-17 Media Voti 5,0 su: 1

8 commenti:

Mirtilla ha detto...

io nn amo il festival..anzi!
mi sono concessa 4 belle risate di pancia con paperissima :)

Greta ha detto...

Io il festival non riesco a non guardarlo...anche se poi magari sono lì che borbotto e dico "che schifo"! Ieri però sonno m colse a metà sertat, quindi non so come è finita :( gli stuzzichini di oggi sono super, li ho fatti anche io, ma speziatissimi! Buona giornata ciao ;)

Ginger ha detto...

Se ti può consolare anche io sono tra coloro i quali non sopportano il festival di San Remo. Ne parlano talmente tanto e ovunque (TV, Radio Giornali) che mi viene la nausea. La prima sera ho optato per un delizioso DVD, una commedia romantica ": 5 appuntamenti per farla innamorare", nente di eccezionale ma mi ha permesso di trascorrere gradevolmente una serata in cui la malinconia era già troppo soffocante per sopportare anche il Festival! Ieri sera ho optato per la lettura.....ma non ti cito il libro visto che si trattava di anatomia chirurgica delle vie Biliari!!!! Ma ti assicuro che anche in tal caso è stato molto più gradevole della sbobba sanremese! Certo è che se avessi avuto i tuoi croccantini sarei stata molto più sollevata! Originale questa ricetta Dolce-salata. Mi intriga veramente e la voglio proprio provare per cui speimenterò quanto prima. Si possono usare anche le nocciole????
Grazie grazie e a presto

Soribel ha detto...

molto meglio un libro!!!in questo periodo ne sto divorando uno dopo l'altro e questo aperitivo da sgranocchiare è fantastico se solo non fossi a dieta!!naggià!!!:-(

Pima ha detto...

Decisamente libro.

Lauradv ha detto...

L'idea di questi salatini è proprio molto sfiziosa, da provare!
Per il festival no... io non lo guarod... 'un mi garba come si dice qui da noi :)

CoCò ha detto...

@Greta speziati devono esser fantastici da provare
@Ginger anche le nocciole, le mandorle e tutto ciò che la fantasia ti può suggerire son sicura che saranno ottimi comunque
@Soribel che genere di libri stai leggendo?

donna ha detto...

Grazie per la ricetta. Probabilmente è molto gustoso.

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!