2011-08-07

Piatti da dessert Easy life design, bicchierini finger food Atmosfera Italiana
Mi sa che sono proprio arrivata a limite, sarà meglio che vi saluti per qualche giorno o per qualche settimana. Spero di darvi presto notizie della mia imminente maternità intanto non vi lascio a bocca asciutta un'ultima ricettina dedicata all'estate ve la meritate ed ho pensato a qualcosa di dolce ma fresco e ne è venuta fuori una piccola  panna cotta all'anice dal leggero tono azzurrato che ricorda il mare completata da una salsa alla liquirizia.
Ingredienti per 6 bicchierini:
250 ml di panna fresca
60 ml di latte
3 g di gelatina in fogli
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di sciroppo di anice
per la salsa:
4 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di polvere di liquirizia
1 cucchiaino di burro
2 cucchiai di panna liquida
Portare a ebollizione la panna con il latte, lo zucchero e lo sciroppo d'anice, unirvi la gelatina strizzata e ammollata e mescolare bene.Versare il liquido nei bicchierini e lasciarlo rassodare in frigo.
Caramellare lo zucchero con la liquirizia e qualche goccio d'acqua, unire poi il burro e la panna e mescolare finché la salsa risulterà densa lucida e liscia. Lasciar raffreddare e distribuire sulla panna cotta.
Un dolce fresco, gustoso e semplice da preparare.
Non me la sento però di andarmene così... e siccome è tradizione lasciarvi prima delle vacanze qualche consiglio letterario per affrontare meglio il riposo dal lavoro non voglio neppure quest'anno di tradire la consuetudine e seppure non abbia avuto proprio tanto tempo per leggere ultimamente, qualche accenno alle novità di libreria entrate di recente nella mia piccola biblioteca culinaria me la sento di farvelo.
Partirei con un romanzo che non potevo non leggere dal momento che è stato scritto da Erica Bauermeister l'autrice de "La scuola degli ingredienti segreti" che tanto mi aveva affascinato. E' uscito anch'esso per Garzanti e si chiama La casa dei destini intrecciati. Punto di partenza della storia è una cena tra amiche in cui una di essa propone a tutte di mettersi in gioco e superare sè stesse affrontando con decisione ciò che fino ad allora le ha terrorizzate. Saranno tutte chiamate a mettersi a nudo, a guardarsi dentro per affrontare la vita con più decisione riscoprendo in sè una forza maggiore di quella che avrebbero mai immaginato avere. Una storia sulla forza dell'amicizia, la voglia di ricominciare e la speranza.
C'è poi un libro che definirei proprio da ombrellone per lo stile leggero e accattivante con cui è scritto, Itinerari gastroesistenziali di un italiano di Andrea Pugliese per FBE Edizioni. Tanti racconti, itinerari avventurosi e spesso causali che legano pranzi di famiglia, abbuffate con gli amici, cucina afrodisiaca, gusti e ingredienti inaspettati per chiarire come il buon cibo dia risposte più convincenti di molti psicologi, filosofi e guru e per capire che il cucinare e il mangiare sono irrinunciabili nella ricerca della felicità.
Per riscoprire il piacere di una cucina consapevole Lo zen e l'arte di cucinare di Anna Fata per Edizioni Il Punto d'Incontro, un manuale provocante e innovativo per accompagnarci nell'esperienza sensoriale della nostra quotidianità alimentare, in un processo che coinvolge la mente, il cuore e lo stomaco, e vivere come esperienza sublime e totalizzante anche il gustare una fetta di pane appena sfornata. Un testo che rappresenta un inno alla gioia, al godere i piccoli piaceri della vita quotidiana, con semplicità, libertà interiore, senza sensi di colpa nè vergogna con la consapovolezza che stare bene fa parte della nostra natura più intima.
Per gli amanti dei racconti che hanno come protagonisti i personaggi del belmondo Spaghetti, Wilma, insalatina e una tazzina di caffè, Mursia editore, l'autobiografia gastronomica di Wilma De Angelis, antesignana delle padelle in tivù. Con il consueto buonumore che la contraddistingue l'autrice ci racconta tantissime ricette e aneddoti relativi alla propria vita e ai personaggi che a vario modo ne hanno condiviso il percorso.
Buona lettura e buone vacanze sperando di darvi presto buone nuove.
Reazioni:

Panna cotta all'anice con salsa alla liquirizia e qualche libro da gustare sotto l'ombrellone

Cocò 2011-08-07 Media Voti 5,0 su: 1

7 commenti:

°Glo83° ha detto...

deliziosa!!! un mix di sapori insoliti e golosi! ;)

Acquolina ha detto...

che delizie! bacioni!

Claudio ha detto...

Ciao Concetta,
complimenti per la ricetta e
1000 grazie per la presentazione della tua pasta nei nostri accessori finger food.
Buone vacanze a te.
Claudio di Atmosfera Italiana

Claudio ha detto...

ops, intendevo ricetta, ma la parola pasta mi è rimasta dentro.
sorry
claudio di Atmosfera italiana

Batù ha detto...

Incredibile questa versione della panna cotta. Senz'altro da provare.
Buone vacanze e in bocca al lupo per la tua maternità :-)

Alessia ha detto...

con questi aromi di anice e liquirizia potrebbe piacermi di sicuro..

Valentina ha detto...

Ciao Cocò, piacere di conoscerti. Interessanti i libri che hai scelto per l'estate. Io mi sto divertendo leggendo "Non tutto fa brodo" di Katherine Darling, ne vale davvero la pena, è colmo di ironia. Arrivo a conoscerti attraverso Gente del Fud che ci accomuna. A presto, Valentina

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!