2011-11-29

Piatto rettangolare e cucchiaio in porcellana CHS Group
Una volta svezzato il pargolo pensavo che le difficoltà sarebbero andate diminuendo di mese in mese e che dopo il primo anno, introdotti più o meno tutti i principali alimenti, farlo mangiare sarebbe stata una passeggiata. Ecco mi sbagliavo, Giulio ha superato i due anni e tra un paio di mesi mi tocca svezzare anche la piccola Aurelia ma le difficoltà nel fargli accettare i cibi più vari sono in aumento proporzionale con la loro età e la relativa formazione di carattere e gusti propri. Per questo motivo sono sempre alla ricerca di nuove proposte per rendere pranzo, cena o merenda che sia più accattivanti e gustosi che mai.
Il problema dell'alimentazione dei bambini sta a cuore a noi genitori ma mi conforta sapere che in talune realtà della nostra penisola (che mi auguro facciano da traino alle altre) è un fatto caro all'intera collettività e particolarmente agli addetti alle mense scolastiche, mi piace immaginare una mensa scolastica senza bastoncini e sofficini surgelati e scopro che a Bologna (beati loro) è proprio così. Lo scopro grazie ad un simpatico volumetto da cui ho tratto il titolo del post uscito per Editoriale Scienza che racconta l'esperienza delle mense dei nidi d'infanzia comunali del capoluogo emiliano. E scopro perché sono famosi in tutto il mondo per la loro eccellenza: consigli e buone regole per una corretta alimentazione trovano spazio nel libro insieme ad appetitose ricette per tutta la famiglia suddivise tra primi, secondi, contorni e merende  oltre che per stagionalità per rendere piacevole oltre che sano ed equilibrato ogni pasto in compagnia dei nostri figli.
Ed è su questo libro che ho trovato una classica e sempre valida ricetta per l'ora della merenda, quella della ciambella allo yogurt che ho rifatto secondo le loro dosi e che voglio condividere con voi consigliandovi di abbinarla ad una cremosa nutella home made per mandare in estasi anche i più golosi.
Ciambella allo yogurt
300 g di farina 00
200 g di zucchero
3 uova
125 g di yogurt bianco o alla banana
30 g di olio
1 bustina di lievito per dolci
Con un robot da cucina amalgamare tutti gli ingredienti, distribuire il composto in uno stampo per ciambella unto e cuocere in forno caldo a 180° per 40 minuti.
Consiglio di montare gli albumi a parte ed amalgamarli solo alla fine al composto per avere una torta più soffice.
Nutella home made
75 g di nocciole tostate e spellate
100 g di cioccolato fondente
50 g di cioccolato al latte
50 g di zucchero,
50 ml di latte intero
45 ml di olio di semi di arachide
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Tritare nel mixer le nocciole fino a formare una pasta (se le scaldate un po' prima di frullarle toglieranno più olio e diventeranno più facilmente una pasta), unire lo zucchero e il cioccolato a pezzetti, versate il latte, l'olio e la vaniglia poi trasferite il composto in una bastardella e cuocete a bagnomaria  mescolando senza arrivare al bollore fino a raggiungere la giusta consistenza, conservate la crema in barattolo nel frigorifero.
Di merende "fantastiche" si parla anche in "La scatola di biscotti e..." Storie di draghi, folletti e ricette squisite! scritto da Elisabetta Donato per Lampi di Stampa, ogni storia è un viaggio nell'"isola che non c'è" ed è accompagnata dalla ricetta di una deliziosa merenda da fare e degustare con i propri figli magari nel fine settimana quando tutti riusciamo a trovare qualche momento in più da dedicare agli svaghi coi pargoli.

Per creare giochi in cucina, fare piccoli esperimenti e imparare ad avere dimestichezza tra i fornelli fin dall'età più tenera un simpatico volume di Patrizia Bollo "Giochiamo in cucina" edito da Laboratorio Salani e dedicato ai bambini tra i 7 ed i 15 anni, un bel libro che ci permette di tenerli un po' lontani dai classici ed abusati divertimenti offerti da televisione e computer. Toccare, osservare, annusare, ascoltare, assaggiare, ma soprattutto giocare: ecco la ricetta per abituare i più giovani a conoscere i cibi e a trarne un sano piacere. Immaginate che sapore avrà una fetta di pane e burro con il burro che loro stessi avranno preparato agitando energicamente una bottiglia colma di panna con una biglia dentro?

E quando già i bambini dimostrano un sano interesse per la cucina non potrete fargli mancare Mamma, adesso cucino io! il bellissimo volume di Maria Castellano in collaborazione con le ricette del Gufo per Sime Books edizioni, un libro che immagino già conteso tra genitori e figli perché è così bello con le foto di Stefano Scatà e le illustrazioni di Monica Parussolo oltre ad avere validissime e golose ricette della tradizione italiana.
Ogni sezione del libro è dedicata ad un evento, dal Brunch della domenica al Natale passando per il Pigiama party (che i piccoli adorano) e il Picnic sul prato e contiene anche molti consigli su come apparecchiare la tavola, sul comportamento da tenere mentre si mangia e sulla sicurezza in cucina.
Ultima, non certo per importanza, segnalazione in fatto di libri dedicati all' alimentazione per bambini è rappresentata da Il Cucchiaino di Miralda Colombo per Gallucci editore.
E' un libro che mi è particolarmente caro poichè, avendo seguito spesso con Giulio  i consigli che Miralda generosamente elargisce nel suo blog Il cucchiaino di Alice, mi viene facile sentire familiare. Ha delle splendide illustrazioni della bravissima Cevì che rendono il libro speciale e accattivante per i bambini di ogni età (da 0 ad 80 almeno), dal momento che l'autrice, nella praticità tipica di ogni donna che è anche mamma, non solo ci offre ricette per i bambini dallo svezzamento ai primi anni di vita, ma ci aiuta con piccole modifiche a renderle gustose e gradevoli anche per i palati più esigenti di mamma e papà. In appendice al libro trova posto il dettagliato calendario dello svezzamento che vi assicuro essere indispensabile.
Concludo questo mio escursus tra le più recenti pubblicazioni dedicate ai bambini prendendo a prestito la frase di Janusz Korczak che apre proprio il libro della Colombo
"Dite:
è faticoso frequentare i bambini.
Avete ragione.
Poi aggiungete:
perché bisogna mettersi al loro livello,
abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli.
Ora avete torto.
Non è questo che più stanca.
E' piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi
fino all'altezza dei loro sentimenti.
Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi.
Per non ferirli."
Reazioni:

Bolli bolli pentolino fai la pappa al mio bambino

Cocò 2011-11-29 Media Voti 5,0 su: 1

5 commenti:

Jo ha detto...

purtroppo nella mensa scolastica dell'asilo di mia figlia, i bastoncini sono un'abituale appuntamento settimanale..... quando ti lamenti ti rispondono che il menù viene stabilito da un nutrizionista....... chissà dove avrà preso la laurea, a casa mia si direbbe che l'ha presa con i punti del detersivo!
Comunque la nutella in casa molte volte l'ho fatta anch'io ed è veramente buona, grazie anche per la ricetta della ciambella.

°Glo83° ha detto...

immagino che questa torta però vada a ruba!!! ;)

carpe diem ha detto...

mmm la nutella fatta in casa che specialità pure la ciambella, i tuoi bambini di sicuro l'avranno apprezzata

Vaty ha detto...

che meraviglia.. la nutella fatta in casa. complimenti collega (anch'io sono avvocato ma non sono brava come te in cucina.. :-(

Tina ha detto...

Great!

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!