2013-01-23

Piatto La Porcellana Bianca, tessuti GreenGate
Se l'ultima volta abbiamo parlato di boschi, stavolta parliamo di orti e lo facciamo ancora tramite una pubblicazione Sarnus, si tratta di un altro volumetto della collana "I naturini" è scritto da  Vario Cambi e si chiama Terra Terra. A dispetto del suo piccolo formato è una vera e propria guida completa alla conduzione di un orto familiare con il valore aggiunto di tante golose ricette per gustare le verdure che rivelano la natura di eccellente gastronomo dell'autore già noto come esperto coltivatore. Tante le risposte che ci fornisce il libro in merito ad ogni genere di ortaggio presentato, il terreno giusto, l'irrigazione e le colture più adatte, gli accorgimenti opportuni in merito a semina, trapianto, messa a dimora, raccolto, consumo e coltivazione. In poche pagine si impara tutto ciò che occorre per veder crescere le proprie piante e gustarne i frutti trascorrendo al contempo piacevoli e preziose ore a contatto con la natura. 

A proposito di prodotti della terra, cosa ne dite di questo colorato bouquet di rose? Si tratta di radicchio di una pregiata varietà dal romantico appellativo Rosa di Gorizia che da oltre due secoli illumina con i propri colori il rigido autunno dell’estremo Nordest d’Italia. Una coltivazione limitata, tramandata di generazione in generazione e i cui segreti vengono gelosamente custoditi nella sapiente mano dei produttori locali.Una vera prelibatezza, una verdura croccante e dotata di sapore intenso e leggermente amarognolo. E' difficile trovarlo ad di fuori del Friuli Venezia Giulia ma è allo stesso tempo molto molto facile poiché è distribuito da Biolab e si pù acquistare on-line con un click e quando arriva a casa è una sorpresa aprire quel pacchetto e lasciarsi invadere dalla sua freschezza del contenuto.
Io l'ho saltato in padella con un po' di cipolla e l'ho utilizzato per farcire dei cestini realizzati con un impasto di pane tipo quello degli gnocchi, ho completato con una crema di formaggio e dei tocchetti di salamino dolce, lo Snack Madeo perfetto nel gusto e nella forma per rendere questi cestini un antipasto gradevole ed insolito.
Ingredienti
per i cestini:
200 g di pane bianco raffermo
100 g di parmigiano grattugiato
1 uovo
125 ml di latte
1 cucchiaio di farina
sale e pepe
per la crema di formaggio:
50 g di pecorino romano grattugiato*
50 g di parmigiano grattugiato
150 ml di panna fresca
sale e pepe
per completare:
salamino dolce
200 g di radicchio
1 cipollotto
vino bianco
olio extravergine d'oliva
sale e pepe
burro per gli stampi
Ammollare il pane con il latte poi frullarlo, unire l'uovo, la farina, il formaggio, sale e pepe. Disporre il composto in stampini a semisfera (o in mancanza da muffin) rivestiti con pirottini ben imburrati. Cuocerli in forno caldo a 180° finché i cestini risulteranno ben dorati. Pulire e tagliuzzare il radicchio, saltarlo in padella con il cipollotto tritato e un filo d'olio, salare, pepare sfumare con il vino e lasciar appassire a tegame coperto. Sciogliere i fomaggi con la panna. Riempire i cestini di radicchio e completarli con una cucchiaiata di crema di formaggio e qualche tocchetto di salamino.
* Per la ricetta ho utilizzato Pecorino Romano D.O.P. Brunelli
Reazioni:

I miei cestini di pane alla Rosa di Gorizia

Cocò 2013-01-23 Media Voti 5,0 su: 1

2 commenti:

Luisa ha detto...

Ma che bellissima idea!! Mi piace baciotti

Foodlookers ha detto...


Vogliamo invitarti a conoscere un nuovo modo di divulgare, condividere e cercare ricette on line: attraverso bellissime immagini food italiane, in un portale da mangiare con gli occhi...

Abbiamo centinaia di foodbloggers fra i nostri utenti e migliaia di visitatori al giorno, il tuo blog è molto bello e potrebbe far parte del nostro socialfood!

Visita adesso http://www.foodlookers.it

Lo staff Foodlookers

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!