2015-05-26


Mi piace muovermi fisicamente o virtualmente per l'Italia scoprendo nuovi prodotti, quel che da noi quasi non si usa a due passi da casa viene considerato un ingrediente indispensabile per qualche ricetta di tradizione, questo per me ha sempre dell'incredibile. Certo è la ricchezza della gastronomia italiana che non ha pari nel mondo e sempre ci mette al centro della scena peccato che siamo noi stessi ad avere difficoltà a valorizzarla. Io personalmente non ho mai abbastanza di scoprire e conoscere tutto il bello e il buono che l'Italia offre. E' stato di recente pubblicato un altro libro sui sapori della penisola I Sapori d'Italia dalla A alla Z di Licia Granello pubblicato da Gribaudo ed è diventato per me, come forse sarà per tutti i gourmet, oggetto del desiderio, ha la forma di un glossario ma non v'aspettate la classica enciclopedia, si alla fine i prodotti stanno in ordine per iniziale ma senza nessuna pretesa di esaurire la produzione nazionale (del resto sarebbe impossibile in meno di 250 pagine). Sono più di 100 i prodotti raccontati in questo alfabeto di sapori e tante sono le curiosità e le chicche che arricchiscono il libro, articolato come   un percorso alla ricerca di volti, mani e storie di uomini e donne che con il loro lavoro hanno dato e continuano a dare vita alle migliori produzioni del Made in Italy degne di essere raccontate. Mi sono soffermata al capitolo dedicato alle radici attratta da una suggestiva foto che ritrae colorate carote e barbabietole rosse e dal titolo La rivincita delle sottoterra e riflettendo sulla varietà delle radici e sul fatto che anche la liquirizia ne fa parte (nel libro l'autrice si sofferma proprio sull'Amarelli di Rossano) mi sono detta che in fondo io la barbabietola rossa (ingrediente molto trascurato dalle mie parti) io non l'avevo mai utilizzata per nessuna ricetta. Il passo verso la comoda barbabietola cotta al vapore e venduta sottovuoto (con quel che non si conosce bisogna in qualche modo prendere confidenza) che ho utilizzato per insaporire e dare colore ai miei soffici muffin è stato breve. Il risultato mi è piaciuto soprattutto con la cremina di gorgonzola e le noci con cui ho guarnito la superficie e nemmeno a dirlo proprio nel libro si fa cenno ad un famoso risotto con barbabietola e gorgonzola, diciamo che non ho scelto strade ostiche ma mi sono avventurata con successo su un sentiero già battuto. Per l'abbinamento ho scelto una birra consistente, una tripel artigianale la Fraden del calabrese Birrificio Blandino che con i suoi 11 gradi ha ben sostenuto il gusto del gorgonzola. Se vi va di provare vi lascio la ricetta.
Cupecake alla barbabietola con crema di gorgonzola e noci

Ingredienti per 10 cupcake:
160 g di barbabietola rossa cotta al vapore
120 g di farina
100 g di burro morbido
40 g di grana grattugiato
30 g di fecola
15 g latte
4 g di lievito in polvere per torte salate
3 uova
sale e pepe
200 g di gorgonzola dolce
3-4 cucchiai di latte
noci
Frullare la barbabietola in modo da ottenere una sorta di purè. Montare la crema ottenuta usando le fruste elettriche con il burro per 15 minuti. Unire i tuorli, la farina, la fecola, il lievito, il grana, il latte, un pizzico di sale e una macinata di pepe. Incorporare poi gli albumi a neve ben ferma con un po' di sale. Versare il composto in 10 formine da muffin e infornare a 180° per 20-25 minuti.
Lavorare con una frusta il gorgonzola con il latte fino a renderlo una crema. Completare la superficie dei muffin con la crema e decorare con noci tritate. Servire con una buona birra artigianale.
Reazioni:

Cupcake soffici alla barbabietola rossa con crema di gorgonzola e noci

Cocò 2015-05-26 Media Voti 5,0 su: 1

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!