2015-05-31

Cucchiaini Mori Italian Factory, tessuto Busatti
Con la varicella ancora in corso (ebbene mi ha colpita alla veneranda età di 38 anni) posso fare ben poco in cucina ma trovo comunque il modo di applicare e mettere a frutto le mie "letture", ci sono poi tante ricette vegane facili che non richiedono particolare applicazione.
David Coté e Mathieu Gallant hanno sempre la capacità di stupirmi attraverso i loro libri. Stavolta lo hanno fatto con Zuppe, creme e vellutate edito da SONDA per la collana l'Essenza del Crudo.
Sfogliando il libro, ammirando le appetitose immagini pensavo che avrei voluto assaporare ognuna di quelle preparazioni, poi mi sono soffermata a leggere le ricette che mi attraevano di più (tante ve l'assicuro tra zuppe in brodo, paté di spezie, creme, vellutate e zuppe estive) e onestamente ho capito perché non riusciamo a scegliere una dieta crudista pur essendo noti gli evidenti vantaggi che da essa ci deriverebbero, siamo spaventati dal lavoro. Acquistare cibi tradizionali, magari pronti o quasi, al supermercato ignorando la lista degli ingredienti nocivi è per noi molto più comodo che metterci a cercare frutta e verdura coltivate in un certo modo, alghe e insaporitori naturali. Stavolta però ho raccolto la sfida e fra le 50 ricette del libro, non tutte fredde ma anche fusion (quindi adatte alla fase di transizione) ne ho trovate molte da riprodurre senza troppa difficoltà. Ho voluto provare l'interessantissimo Gazpacho fragole e pepe e sono rimasta entusiasta dal gradevole e inaspettato risultato. Al di là della scelta alimentare questa è una ricetta stuzzicante e di stagione, un'ottima alternativa al classico gazpacho, ideale da servire come entrée in un pranzo più articolato, con l'aperitivo o anche come spezza fame estivo o pranzo leggero o in tardissima ora al rientro da una serata.
Ed a proposito di spezza fame, se sono proprio ricette sane da fuori orario quelle che state cercando vi do una dritta su un imperdibile libro pubblicato da EIFIS Editore UNO COOKBOOK Fuoriorario. Del primo libro, un grande successo per il vero, del blogger vegano Manuel Marcuccio vi avevo già parlato ma come non restare affascinati da quest'ultimo lavoro in cui vi sono ricette per ogni gusto suddivise secondo quattro pasti (fuori orario) a scandire una golosa giornata veg che supera con questo modo di mangiare l'opposizione tra tradizione e cibo fast.
Quattro storie sviluppate attorno ad un personaggio legate a quattro modi differenti di intendere la scelta vegan  per accompagnare quattro specifici momenti della giornata: colazione 7:15, brunch 11:00, merenda 16:30 e spuntino di tarda sera 23:45.
Gazpacho fragole e pepe
250 g di fragole tagliate a metà
75 g di fragole a dadini piccolissimi
100 g di cetriolo (già pelato) tagliato anch'esso a dadini
basilico
sale e pepe
frullare le fragole tagliate a metà fino ad ottenere un purè aggiungendo fino a mezza tazza di acqua, aggiungere i dadini di fragola e di cetriolo e quattro foglie di basilico a dadini, salare e pepare poi suddividere nelle coppette e guarnire a piacere con fragole, basilico e pepe macinato al momento.
Reazioni:

Gazpacho fragole e pepe

Cocò 2015-05-31 Media Voti 5,0 su: 1

5 commenti:

Luca and Sabrina ha detto...

La varicella? Oh my God, pare che io l'abbia già avuta da piccola, anche se non mi ricordo. Ti auguro che passi in fretta questo tormento, meno male che non fa ancora troppo caldo. Per il gazpacho invece la stagione è perfetta, considerato il nostro amore per le fragole io mi sono presa nota della ricetta, l'idea mi sfizia tanto anche perché la trovo parecchio originale.
Bacioni e buona domenica
Sabrina&Luca

CoCò ha detto...

Ebbene si combattiamo da venti giorni con questa fastidiosa malattia prima mio marito, poi i bambini ed io, almeno per le vacanza saremo a posto (si spera. Comunque il gazpacho è davvero da provare delizioso e rinfrescante

Ely ha detto...

Guarisci presto carissima...! Mamma mia! I miei migliori auguri!!
Questo gazpacho è originalissimo e sicuramente da provare: già lo adoro. Complimenti! <3 I tuoi consigli letterari, poi, sempre interessanti ;)

Günther ha detto...

molto interessante questo accostamento con il pepe

Günther ha detto...

e fragole :-)

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!