2014-12-14


Piatto La Porcellana Bianca, telo in organza rosso ImballoREGALO.com
Il Natale è anche e soprattutto festa dei bambini e questo lo sento ancor più da quando ne ho per casa. Fare con loro e per loro preparativi ed addobbi mette gioia a prescindere dai risultati ed in realtà anche se mandano a monte ogni mia idea di ordine e perfezione mi rendono davvero felice e senza di loro nulla sarebbe così bello.
I libri dedicati ai piccoli a casa nostra ci sono sempre ma nel periodo natalizio si moltiplicano oltre misura. Quest'anno siamo stati conquistati da una nuova pubblicazione di Coccole Books. L'Ufo di Natale è il titolo della fantastica storia di Daniela Valente con le illustrazioni di Sandro Natalini e come potrete immaginare si tratta di un racconto davvero originale, un sogno avventura che vive un bambino nella notte più magica dell'anno. Tra alieni, bambini e regali i vostri bambini potranno vivere insieme a Sandrino una magica e indimenticabile avventura.
Se i vostri bimbi sono più grandi e cercate una storia che faccia riflettere sulla problematica dell'integrazione dello stesso editore Il sapore amaro delle arance scritto da Sandro Natalini e illustrato da Tommaso Nava. Narra in modo adatto ai più giovani, prendendo le mosse da un fatto di  cronaca, una storia al margine dal retrogusto amaro, che ruota intorno a questo piccolo sole arancione, che è buono per fare le spremute, le marmellate e le bibite frizzanti senza però dimenticare la spesso difficile realtà di chi con una paga bassissima e in condizioni purtroppo inumane ci permette di poterlo gustare.
Il club dei cuochi segreti di per Editoriale Scienza è una bellissima storia per imparare la natura e il buon cibo. Le avventure di Luca e dei suoi cuginetti Mimma, Federico e Pepe e gli insegnamenti-gioco dei loro simpatici nonni presso cui tutti insieme trascorrono le vacanze, sono certa conquisteranno anche i vostri piccoli. Tra scorribande all'aria aperta, club segreti e golose ricette impareranno il rapporto con il buon cibo, che è prima di tutto rapporto con la natura, attraverso il susseguirsi  delle stagioni in modo divertente e giocoso, come si conviene alla loro età.
Non perdetevi neppure i tutorial di Ci provo gusto, la collana di Editoriale Scienza di cui fa parte il libro di cui vi ho appena parlato, davvero imparerete tanti modi semplici ed originali per creare nuovi modi di giocare con i vostri bambini.

Alberelli spennellati da Aurelia
Ora veniamo alla ricetta, qualche giorno fa ho condiviso su Facebook un link i cui si parlava di idee fast per i preparativi natalizi, dai tovaglioli ad alberello, ai cup cake renna, passando per le piadine alberello e il pane a forma di Babbo Natale, come resistere a questo richiamo. Lo stesso pomeriggio ho impastato del pane al latte e olio, quello soffice soffice che piace ai bambini e subito abbiamo riprodotto a nostro modo l'idea trovata sul web. Non usate coloranti per il cappello come consigliano, ma della buona passata di pomodoro, sarà meno rossa ma sicuramente più naturale e gustosa.
Le dosi che vi do sono perfette per il Babbo Natale, il piccolo Babbo Natale della foto in basso realizzato con soddisfazione e orgoglio da Giulio e gli alberelli spennellati con cura di pomodoro, origano e parmigiano dalla piccola Aurelia. Se avete dubbi sulla realizzazione non esitate a contattarmi per qualsiasi chiarimento.
Babbo Natale di Giulio
Pane di Babbo Natale
Ingredienti:
750 g farina 0
300 g acqua
75 g latte
20 g di lievito di birra
75 g olio
2 cucchiaini da caffè di zucchero
2 cucchiaini da caffè di sale

Sciogliere nell'acqua mescolata al latte il lievito e lo zucchero. Miscelare le farine con il sale, aggiungere i liquidi e l'olio. Mettere a lievitare in un posto caldo e al riparo da correnti, per circa un'ora e 30 minuti.
Riprendere l'impasto, sgonfiarlo, suddividerlo a metà e poi una delle metà ancora in due. Con le metà più piccole potete fare la faccina di Babbo Natale e gli alberelli. Con la parte più consistente la faccia di Babbo Natale. Bisogna creare un ovale irregolare e poi un altro ovale da cui ricavare la barba intagliando la parte inferiore ed arricciandola armoniosamente attorno al viso. Con un altro pezzettino d'impasto ricavare un triangolo con la fascia per cappello e con due palline una più grande dell'altra il pon pon e il naso, due olive  saranno gli occhi. lasciar lievitare ancora mezz'ora e poi infornare a 200° finché il pane sarà gonfio e dorato. Le foto non sono il massimo perché i bambini e anche i genitori avevano fretta di assaggiare.
La farina di grano tenero che abbiamo utilizzato per la ricetta è la 0 biologica di Girolomoni di cui presto vi parlerò.
Reazioni:

Il pane di Babbo Natale

Cocò 2014-12-14 Media Voti 5,0 su: 1

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!