2016-04-22

Pechino, Tokyo o Berlino? Stavolta non so davvero dove andare prima con EDT Editore e la collana Allacarta, una delle più originali trovate letterarie degli ultimi anni.
Ognuno dei libri è un resoconto dettagliato di un lungo viaggio in un paese del mondo per riportarne e trasmetterne usi e costumi e soprattutto abitudini alimentari. La cosa particolare è che si tratta di scrittori di talento trasformatisi per l'occasione in viaggiatori d'eccezione.
Vi avevo già parlato di due libri di questa collana portandovi idealmente a spasso per New York e Roma, oggi vi parlo di altre tre pubblicazioni appartenenti alla stessa collana.
Se pensate che non vi sia Paese più imperscrutabile della Cina ne avrete conferma in My Little China Girl di Giuseppe Culicchia. Il libro lo possiamo definire un tentativo di avvicinamento a questa entità culinaria misteriosa. Pechino infatti è una città che non si svela, avvolta nella nebbia anche quando c'è il sole e pur seguendo l'autore in questo stano viaggio sulle orme di Marco Polo, conosciamo molto anche della città proibita ma non tutto perché quell'alone di mistero resta sempre lì ad avvolgerla anche per chi riesce a pranzare al "listolante del Paltito Comunista Cinese".
Itadakimasu - Umilmente  ricevo in dono è il racconto che di Tokyo ci fa Fabio Geda. Una ragazza gentile ed evanescente, un anziano dal sorriso da rana e il signor Otsuka,  un gatto sono i personaggi di cui l'autore si serve per portarci a conoscere Tokyo e il suo rapporto con il cibo che in Giappone ha a che fare con lo spirito, con la bellezza e con un gusto misterioso: l'umami. "Tokyo è una di quelle città in cui trovi la cucina di tutto il mondo fatta meglio che nei paesi d'origine".
Berlino non è una città. E' un pianeta. Il più distante dalla Galassia, il più remoto. Ecco come descrive Berlino Andrea Bajani in E' bellissimo il vostro pianeta. Questo dopo averla osservata per dodici mesi e fatto file impressionanti tra turisti di ogni dove per degustare i classici "cilindri di carne marrone" di cui noi terrestri scopriamo di essere più ghiotti degli indigeni. Un pianeta bellissimo, la soluzione ad ogni problema ecco cos'è Berlino e la voglia di partire diventa irresistibile.
E quando si va in giro per il mondo non si può che sgranocchiare qualcosa nel viaggio, io vi propongo dei biscottini salati ed energetici per recuperare la carica quando ci sentiamo troppo stanchi e portare un po' di casa nostra in viaggio con noi.
Cantucci salati allo stracchino e arachidi
Ingredienti: 
210 g di farina
90 g di stracchino, 50 g di arachidi salate
6 cl di latte
1 uovo
40 g di olio d’oliva
1 cucchiaino di lievito per dolci non zuccherato
1 punta di peperoncino in polvere
1 pizzico di sale
pepe nero 
Scaldare il latte. Setacciare la farina insieme al lievito, aggiungere l’uovo, l’olio, il latte, lo stracchino, poi il sale, il pepe e le arachidi. Mescolare tutto velocemente, formare una palla e dividerla in due filoncini alti 2 cm e larghi 5. Deporre i filoni su una teglia da forno rivestita con carta da forno, mettere in frigo per 15 minuti poi cuocere in forno a 170° C, per circa mezz’ora. Lasciare raffreddare poi tagliare i biscotti in diagonale, spessore 1 cm, con un coltello seghettato. Disporre di nuovo i biscotti sulla teglia da forno, e cuocere per 10 minuti, in modo da farli diventare dorati. Lasciare raffreddare su una griglia prima di servire.
Reazioni:

In viaggio con EDT e i cantucci salati con stracchino e arachidi

Cocò 2016-04-22 Media Voti 5,0 su: 1

0 commenti:

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!