2016-10-30

Noi Halloween lo prendiamo con la dovuta serietà e mentre decoriamo casa, dentro e fuori, ci prepariamo alla ormai consueta pizzata mostruosa che organizziamo per il 31 sera. 
E visto che i bimbi a questa, per me simpatica festa, non vogliono rinunciare che Halloween sia con la nostra pizza zucca e fontina con ragni di olive.
E la nostra richiestissima pizza ai vermi di wurstel.
Non possono mancare letture a tema mostruoso: quest'anno abbiamo scelto le filastrocche di Mostralimenti di Kalinka Tondini e illustrazioni di sua sorella Rachele edito da Sarnus.
In fondo non tutti i mostri sono davvero spaventosi e quelli del libro vogliono solo insegnarci qualcosa di utile sul cibo che consumiamo ogni giorno, anche grazie ai divertenti quiz pensati per coinvolgere tutta la famiglia. Le strane creature che prendono vita nel libro spesso travestite da alimenti sani fingono, truccano, imbrogliano, mentono, nascondono la loro identità di mostri e sono difficili da scovare, ma è proprio imparando a riconoscerli che possiamo apprendere la ricchezza della nostra cucina e le tante proprietà benefiche degli alimenti di uso comune. Senza scordarci che misura e buon senso andrebbero messi nel piatto prima di qualsiasi pietanza.
Oltre alle letture ed ai travestimenti non devono mancare neppure caramelle e dolcini, oltre che zucche e zucchette di ogni foggia e materiale.
Abbiamo realizzato dei semplici muffincon crema pasticciera al limone, decorati con crema di nocciole e zucchette marshmallows.
Con decorazioni e preparazioni a tema...il tutto ancora in corso fino a domani...vi lasciamo il nostro Happy Halloween 2016

2016-10-27

A volte il consueto va rivisto e noi per Diritto di Cronaca siamo andati ad assaggiare la cucina creativa dello chef Luci all'Italia 2 di Spezzano Albanese scalo.
Il ristorante Italia 2 è lì da tempo immemore, noto a tutti, luogo comodo su una via di passaggio, perfetto per pranzi e cene di lavoro, per una pizza tra amici o da ora anche per una digeribile e gustosa pinsa come la moda del momento richiede. 
Nel corso del tempo il luogo si è arricchito di un bel giardino divenendo idoneo anche a piccoli e grandi banchetti (fino a 180 persone) e si pone all’attenzione anche per la cucina gourmet dello chef Francesco Giuseppe Luci che si affianca a quella più tradizionale e quotidiana  del ristorante. Possiamo dire con un gioco di parole che lo chef Luci sta portando nuova luce a questo tradizionale ristorante e la sua cucina gourmet, in continua evoluzione, ci ha invogliato e siamo andati a provarla.
Come antipasto ci è stato servito un polpo arrostito in doppia cottura con spuma di patate e profumo di tartufo, un piatto di carattere consistente e gradevole fino all’ultimo boccone.

I quadrucci (ravioli) ripieni di baccalà mantecato con emulsione di burro e salvia si annuncia come piatto di festa ricco e sontuoso che parla di climi freddi e di luoghi nordici, indice delle esperienze estive che lo chef compie fuori regione da anni.

Cucina in continua evoluzione dicevo e ne dà prova il  filetto di suino nero al caffè con cialda di grana e salsa di peperoni, un accostamento inconsueto ed ancora una volta deciso per chi non teme i gusti nuovi.
Ci pensa il dolce, una sfoglia scomposta con crema di mascarpone e chantilly con scorza di lime e alchechengi, a trasportarci lontano facendoci sognare mete esotiche. Non ci resta che sorseggiare un caffè Versino ripromettendoci di seguire le evoluzioni di questa giovane promessa della cucina.
Per degustare un menù gourmet dello chef Luci basta prenotare…cosa aspettate ancora?
Ristorante Italia 2
Via Partenope ex ss 19 Scalo di Spezzano
87019 – Spezzano Albanese (CS)
Tel. 338 331 4249
http://www.ristoranteitalia2.it/
https://www.facebook.com/Italia2RistorantePizzeria/?ref=page_internal

2016-10-20

Cosa preparo ad ottobre di buono? Pochissimo davvero visti i tempi serrati, i bambini e il lavoro che ormai mi assorbono per gran parte del giorno. Vi dico che in particolare di dolci poco sta uscendo dalla mia cucina se non crostate e altri dolci semplici. Tra gli ultimi dolci semplici non posso non parlarvi di questa rustica crostata di frolla farcita con crema di ricotta, pere e cioccolato fondente. L'ho chiamata crostata del contadino perché è molto rustica e perché è ripiena di cacio (ricotta in realtà) e pere.
La particolarità della crostata è l'aroma di limone che ho inserito nella frolla e poi nella crema sia come semplice scorza che come aroma più intenso di limoncello quello prodotto con gli eccellenti limoni di Rocca imperiale dall'amico Ferdinando Di Leo titolare dell'azienda Di Leo e della omonima bottega nonché socio di Palazzo Pucci di cui vi ho raccontato qualche post fa.
Ad ottobre si riscoprono gli spazi domestici ed io che ottobrina lo sono per nascita adoro questo mese e adoro più che mai leggere nel periodo in cui le giornate iniziano ad accorciarsi.
Brigitte Glaser e la sua Katarina Schweitzer mi avevano conquistato con l'alta tensione di Delitto al pepe rosa. Tornano ad avvincermi con una nuova avventura ambientata nella Foresta nera Morte sotto spirito pubblicato come il precedente dall'editore EMONS nella collana dei gialli tedeschi. La cuoca Catarina insieme all'inseparabile amica Adela si troverà nuovamente a dover lasciare i fornelli per sbrogliare un inquietante giallo che non possiamo anche stavolta seguire con il fiato sospeso.

La Germania è sempre lo scenario di un'altra interessante lettura della collana Gialli tedeschi di Emons libri. Gulasch di Cervo è il gustoso romanzo scritto da Graf & Neuburger. Un po' giallo un po' noir ci permette di attraversare l'Europa insieme all'improbabile terzetto di protagonisti, tra fughe spericolate ed altre rocambolesche avventure, alla ricerca del tesoro di Hitler portandoci a conoscenza di avvenimenti poco noti della storia del secolo scorso.
Torniamo in Italia a climi più miti, nonostante l'autunno. 
Chi di voi non apprezza il cantautore milanese Pacifico? Un grande artista non si smentisce mai ed avrete un motivo in più per considerarlo tale dopo aver letto il suo primo originale romanzo Ti ho dato un bacio mentre dormivi pubblicato da Baldini & Castoldi. Ambientato in una Milano misteriosa e un po' sonnolenta ci narra del mite Agostino che dopo un pestaggio brutale ed immotivato tenta di ricostruire il suo passato attraverso frammenti di ricordi oltre che attraverso gli sfoghi di amici e vicini che passando a trovarlo nel garage di famiglia in cui si è rifugiato dopo il pestaggio, lo rendono, suo malgrado, inconsapevole confessore delle vite altrui.
Ed ora la ricetta della mia rustica crostata per coccolarvi in vista dei primi freddi.
Crostata del contadino
Ingredienti:
170 g di farina
30 g di maizena
100 g di zucchero
50 g di burro
50 g di olio
1 uovo
1/2 bustina di lievito vanigliato 
scorza di limone
Crema di ricotta:
250 g di ricotta
75 g di zucchero
1 uovo
75 g di cioccolato fondente
1 bicchierino di limoncello
1 bustina di vanillina
2 pere 
2 cucchiai di zucchero di canna per caramellare
Preparare la frolla con gli ingredienti indicati, avvolgerla in pellicola e lasciarla riposare in frigo. Intanto pelare e tagliare le pere a cubetti, sciogliere in un tegame lo zucchero di canna e saltarvi le pere in modo da caramellarle. Setacciare la ricotta, unirvi lo zucchero, la vanillina, l'uovo, il liquore e infine il cioccolato a scaglie e le pere caramellate. Stendere la frolla in teglia, bucherellare il fondo e versarvi il composto di ricotta, decorare la superficie con i ritagli di frolla. Infornare a 180° per 30 minuti circa, finché sarà dorata e il composto risulterà asciutto.

2016-10-06


Il mio ultimo percorso del gusto proprio sul mare. La sensazione quando si arriva in questo ristorante è quella di bere il mare, il locale si affaccia infatti a picco sulla magnifica costa tirrenica e sembra essere tutt’uno con l’elemento marino.

Un luogo fresco ed accogliente, l’ambiente è estremamente rilassante sia nella sala interna dove ci accomodiamo, visto che la giornata non è propriamente estiva, sia nella famosa terrazza che da il nome al locale, dove le tende bianche lasciano intravedere il blu del mare.

I piatti proposti da Zio Enzo sono i tradizionali di mare, non una carta vastissima ma collaudata e variata, come si conviene, secondo la disponibilità del pescato locale giornaliero. 
Impegno, passione e dedizione profusi dallo chef-proprietario con una semplicità che non ha pari.


Pietanze fresche e genuine in cui, come tiene a precisare Zio Enzo, la materia prima è tutto ed effettivamente notiamo che una ricerca c’è…oltre al pesce anche l’olio, la pasta e altri ingredienti base sono scelti tra i migliori a disposizione in Italia.

Una gustosissima capasanta con pancetta arrosto fa da entrée preparando le nostre papille ad accogliere le successive semplici bontà del menù.
 L’antipasto di mare proposto è composto da polpette di grongo, cotoletta di sgombro, polpo in insalata e alici marinate e presenta la particolarità di avere in un angolo del piatto un piccolo fiore balsamico che ci invitano a masticare alla fine del piatto per pulire la bocca e prepararla alle successive pietanze.
Le mezze maniche ai gamberi sono il primo che scegliamo e lo degustiamo con gli occhi fissi al mare, illuminato nel frattempo dal sole.

Per i secondi è d’obbligo cedere ai fritti, del resto come rinunciare a una frittura di calamaretti (così piccoli e teneri da mangiare interi) e alle guancette di rana pescatrice panate.

Resta solo lo spazio per un caffè ed un altro sorso di azzurro mare da continuare a godere con una passeggiata.
Ristorante Zio Enzo la Terrazza sul mare
C.da Macchia 9, Intavolata
87020 – Acquappesa (CS)
Tel. 347-8833041
http://zioenzo.com/
https://www.facebook.com/Ristorante-Zio-Enzo-la-Terrazza-sul-mare-366118881793/



2016-10-02

Una pasta che non è pasta, che è anzi l'anti pasta  con pochi carboidrati e tante proteine, esiste e si chiama Legù
Non è pasta ripeto, sono SOLO ceci, fagioli e piselli che hanno  facilità e modalità di consumo di un piatto di pasta pronto in 3 minuti. Grazie ai legumi, che ridotti in farina sono prima cotti dolcemente a vapore, Legù è ricca di proteine vegetali, un’alternativa alle proteine animali, adatta a chi vuole mangiare la pasta senza avere il problema della linea perché povera di carboidrati, ma ideale anche per vegani, sportivi, diabetici e celiaci. 
Io mi sono lasciata attrarre e l'ho voluta sperimentare nella mia cucina. Ora vi dico il risultato di questo esperimento: se la penso come pasta preferisco la pasta tradizionale ma se la penso come un prodotto diverso vi dirò che ha davvero un suo perché, e se poi per un attimo immagino di non poter più mangiare la pasta la ripenso come pasta e dico che in fondo Legù male non è anzi #LegùMiPiaciTu.
In questa preparazione ho accostato i gigli Legù ad un gustosissimo sauté di vongole e seppia ed ho servito il tutto con una calda e profumata cremina di fagioli bianchi scelti nella locale varietà poverello dell'area del Pollino, una sorta di tondino locale dalla buccia sottile.
Gigli Legù con vongole e seppia su passata di poverello
Ingtredienti per 4 persone:
120 g di Gigli Legù
1 tazza di fagioli bianchi qualità poverello lessati
400 g di vongole
1 seppia
olio extravergine d'oliva
1 spicchio d'aglio
10-12 pomodorini
1/2 bicchiere di vino bianco
prezzemolo 
peperoncino
In un tegame largo versare un filo d'olio, l'aglio schiacciato, il peperoncino, un po' di code di prezzemolo tritate e i pomodorini a metà lasciar insaporire a fuoco vivace, unire il vino bianco e una volta sfumato levare l'aglio e unire  le vongole. Coprire il tegame e lasciar aprire le vongole, togliere il coperchio ed unire la seppia tagliata sottile. tenere sul fuoco appena il tempo che la seppia cambi colore. Prelevare un po' del liquido di cottura delle vongole e unirlo ai fagioli, frullarli a crema e tenere in caldo la crema ottenuta. Lessare legù in acqua salata a cui avremo aggiunto un po' d'olio. 
Servire legù su una base di crema di fagioli e suddividervi sopra il condimento preparato completando con foglie di prezzemolo tritate.
Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!