2010-12-06

Oltre che ai pranzi e alle cene per le prossime feste iniziamo anche a pensare ai regali, e chi come me ama i regali golosi deve iniziarne la preparazione per tempo. Questi giorni in effetti sono di prove poi si passa alla vera esecuzione e al relativo confezionamento dopo la prima quindicina di dicembre. I biscottini, si sa, vanno per la maggiore ma anche le conserve dolci hanno un loro perché tanto più se si pensa di destinare il regalo a chi come noi è appassionato di cucina. Il destinatario del dono potrà utilizzare la confettura, la marmellata, la composta o la gelatina che regaliamo per arricchire le sue preparazioni e sicuramente ne resterà contento. La ricetta che voglio condividere con voi l'avevo reperita tempo fa su un  numero di Cucina Italiana e quando l'ho provata ne sono rimasta entusiata, è a base di frutta secca e può essere utilizzata per farcire dei biscotti o una sfoglia dolce come ho fatto io, anche una semplice sfoglia di brisèe o fillo pasta andrà bene. La mia sfoglia è una sorta di brisèe con l'olio al posto del burro.
Le albicocche e i pinoli utilizzati sono quelli di Noberasco, dei pinoli avevo già avuto modo di dirvi, delle albicocche posso dirvi solo di dimenticare quei prodotti secchi e gommosi dal retrogusto amaro che si trovano spesso in commercio e  che vengono spacciati per albicocche. Le albicocche di Noberasco sono grosse, succose, gustose e si prestano perfettamente alla preparazione di oggi.
Composta di albicocche secche uvetta e pinoli 
Ingredienti:
250 g di albicocche
60 g di zucchero grezzo di canna
200 g di acqua
1 noce di burro
40 g di uvetta
40 g di pinoli
Sminuzzare le albicocche e cuocerle con l'acqua, lo zucchero e il burro, quando il liquido di cottura è assorbito passare al mixer e aggiungere l'uvetta ammollata e i pinoli.
E' ottima anche a colazione su una bella fetta di pane, magari di segale per un concentrato di benessere.
Reazioni:
Categories:

Composta di albicocche secche uvetta e pinoli

Cocò 2010-12-06 Media Voti 5,0 su: 1

13 commenti:

Milen@ ha detto...

Ho visto una composta simile sabato in tv, preparata da S. De Riso, ance se la era molto più ricca e preferisco la tua, con meno ingradienti, ma più "percettibili" ....
La mia curiosità è stata attratta dal dolce che per la forma mi ricorda la chiocciola salata di sfoglia: non è che inseriresti la ricetta della brisée al'olio?
Mi piace moltissimo .....
Baci :D

Mirtilla ha detto...

sara'una cosa meravigliosa :)

Saretta ha detto...

Io adoro el albicocche secche ma, prendo solo quelle bio.Le altre sono tutte conservate con anidride solforosa, anche le Noberasco o no?

manuela e silvia ha detto...

Manuela adora le albicocche secche! una composta così sembra davvero molto ghiotta e particolare! poi in un tortino così..come resistere!
un bacione

Francesca ha detto...

che meraviglia!!!

CoCò ha detto...

@Milen@ è vero comunque ho preso spunto da un dolce tradizionale albanese che viene farcito all'interno con uva passa e la cui sfoglia mia suocera prera così:
2 uova
80 g di zucchero
80 g di olio
80 g di latte
farina q.b.
Viene fuori una sorta di brisèe che devi lavorare solo con olio e senza più farina la riduci a sfoglia sottile sottile poi a strisce che farcisci con il composto chiudi e arrotoli su se stesse a spirale
@Mirtilla un gusto caldo adatto al Natale chi ama le spezie può anche aggiungere cannella o altro
@Saretta non ho fatto caso all'anidride solforosa ma sono molto buone...fa male l'anidride soforosa?
@Manuela e Silvia se non si può resistere bisogna provare
@Francesca merci

Milen@ ha detto...

Grazie ne prendo nota: mi piace moltissimo :D

CoCò ha detto...

@Milena forse l'ho chiamata impropriamente brisèe dato che ci sono le uova e il latte invece dell'acqua però viene una pasta poco dolce e malleabile che mi ricorda una brisèe assolutamente solo da farcire

Milen@ ha detto...

... un'ultima cosa: come si chiama l'originale?
E' ovvio che se lo preparo e lo pubblico, lo farò con tutti i dovuti riferimenti :D

CoCò ha detto...

@Milena l'originale si chiama riganata ha l'uvetta dentro e l'origano sopra nel mio blog se inserisci il nome ne esce una versione ma con una pasta un po' diversa più frolla e senza origano, è un dolce che si fa a Pasqua in realtà ma la ricchezza di questa composta mi ha ricordato in tal caso il Natale

Milen@ ha detto...

Sapere che ha un suo passato, la rende ancora più interessante .....
La pasta ha qualche somiglianza con la pasta strudel: non trovi?
Penso che sia nel "suo spirito" la composta con cui la proponi ...

Gunther ha detto...

con una bella fetta di pane integrale alla mattina una bella sterzata di energia positiva

CoCò ha detto...

@Milena anche una pasta strudel infatti ritengo vada bene per questa preparazione
@Gunther anche pane di segale come dicevo e magari tra il pane e la composta anche una fettina di brie oaltro formaggio molle

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!