2010-09-28



E perché no? Da grande carnivora che sono ho sempre pensato, rifacendomi ad uno dei più noti luoghi comuni, che il cibo vegetariano fosse insulso, le verdure vanno bene per contorno e mi piacciono pure ma non penserei mai di basare la mia dieta sul loro esclusivo consumo abbinato ad altri prodotti di provenienza vegetale. Eppure molte teorie dimostrano che chi mangia vegetariano vine sano e più a lungo di noi. Se poi scopri che mangiano pure in modo goloso i dubbi ti vengono eccome...Mi piace conoscere ciò che mi circonda e seppure trovo difficile rinunciare alla carne mi sto documentando su quelle che sono le abitudini di questi "marziani" che portano nomi come vegetariani, vegani, crudisti etc...
Ho trovato molto esaustivo da questo punto di vista Nè di carne nè di pesce Manuale del perfetto vegetariano di Stefano Momentè, Edizioni L'Età dell'Acquario.  Le ragioni che portano a compiere scelte così drastiche sono filosofico-religiose, etiche, ambientali o ancora salutistiche. Il libro è molto tecnico ma di facile lettura e comprensione, si completa con la dieta tipo del vegetariano e da risposta agli innumerevoli interrogativi che ognuno di noi, sono certa, si pone in materia.
Una volta compiuta la vostra scelta vegetariana avrete, immagino, il problema della varietà di dieta, in tale occasione vi viene incontro Antonio Scaccio con il suo Cucina Vegetariana Golosa di Tecniche nuove editore. Il titolo del libro è una promessa che l'autore mantiene dalla prima all'ultima pagina del volume. Le ricette presentate, anche quelle tradizionali siciliane in versione vegetariana, sono effettivamente golose e lo testimoniano le bellissime foto che corredano il volume. L'apice della golosità viene raggiunto nel capitolo dedicato ai dolci che avresti voglia di mangiare già con gli occhi.
Per chi pensa invece che chi abbia abbracciato la scelta di una dieta vegana debba rinunciare al dolce perchè senza latte, uova, burro e miele sembra impossibile mettere insieme dei dolci degni di portare questo nome può cambiare idea leggendo La cucina Etica Dolce di Dora Grieco e Roberto Politi per Sonda Editore.
Ho scoperto che i vegani al burro sostituiscono la margarina o l'olio, allo zucchero bianco di barbabietola quello integrale di canna, al miele i malti, al latte vaccino quello vegetale e alle uova...bè le uova non si possono sotituire ma se ne può fare comunque a meno prevedendo al loro posto altri ingredienti utili ad ottenere un buon risultato finale, fecola, maizena, bicarbonato o anche banane saranno di volta in volta utili allo scopo. Nel libro vi sono dolci tradizionali ripensati in versione vegana e dolci creativi, tutti egualmente golosi già solo a guardarli nelle splendide illustrazioni del volume.
Leggendo questi validi contributi e dovendo preparare gli involtini primavera ho voluto anch'io fare il mio piccolo esperimento. In metà del ripieno ho escluso la carne, gli involtini primavera sono risultati alla fine tutti egualmente buoni col vantaggio che quelli di sole verdure erano molto più leggeri.
Comunque sia vi lascio la ricetta completa, per la versione vegetariana omettete totalmente la carne, vedrete che bontà.
Ingredienti per 4 persone (c.a. 12 involtini)
Per l'involucro:
2 bicchieri di farina 00 (con un paio di cucchiai di maizena)
2 bicchieri di acqua
sale
olio
Per il ripieno:
2 carote
1 cipolla
1/2 cavolo verza
200 g do carne di pollo o di maiale
2 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaio di maizena
1 cucchiaio di zucchero di canna
3 cucchiai di olio
2 cucchiai di sakè (o grappa)
sale
olio per friggere
Mescolate la farina con l'acqua e un po' di sale e formata la pastella lasciatela riposare per mezz'ora circa. Ungete quindi un padellino con l'olio e formate delle sfoglie come fossero crepes.
Intanto tritate la carne con il coltello e mescolatela alla maizena e alla salsa di soia. Tagliate a striscioline le verdure e saltatele nel wok caldo con l'olio, Unite la carne, lo zucchero, sfumate con il saké (o in mancanza la grappa) e portate a cottura la carne facendo in modo che le verdure restino croccanti (non coprire la padella), regolate eventualmente di sale (tenendo conto che la salsa di soia da già molto sapore). Distribuite il ripieno a cucchiaiate sulle sfoglie preparate e chiudetele ad involtino aiutandovi con un po' di pastella (di acqua e farina). Friggete gli involtini in abbondante olio e servite ancora caldi.
Si possono preparare sfoglia e ripieno in anticipo, ma una volta farciti gli involtini vanno subito fritti altrimenti tendono a spaccarsi.
Per la versione vegetariana saltate le verdure nel wok con l'olio, unite la salsa di soia, lo zucchero e il sakè e portate a cottura.
Reazioni:

Involtini Primavera, vegetal style?

Cocò 2010-09-28 Media Voti 5,0 su: 1

12 commenti:

Alem ha detto...

li adoro e non avevo mai penstao di poterli rifare a casa!!
MI sergno la ricetta!

raffy ha detto...

spettacolari...devo provarli assolutamente, magari al forno!!! che deliziaaaaaa

Barbara ha detto...

Bellissima idea la versione vegetariana, te la copio subito subito!

Mirtilla ha detto...

gli involtini primavera sono deliziosi :)

Rosmik ha detto...

Adoro gli involtini primavera,ho postato anke io sul mio blog la ricetta degli involtini formato vegetariano,e concordo nel dirti ke in versione vegetariana sono ottimi...non mankerò di provare anke la versione con carne...

Acquolina ha detto...

da provare! mio marito non è vegetariano ma la carne proprio non gli piace e mi devo inventare delle alternative, grazie per i consigli!
Francesca

Stefano Momentè © ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Stefano Momentè © ha detto...

Stefano Momentè © ha detto...
Nella versione vegetariana, al posto del pollo è possibile usare del seitan : )
Grazie per la recensione.

giulia ha detto...

sono ottimi questi involtini! anch'io li faccio di quando in quando e sono davvero deliziosi! e per quanto riguarda le verdure, anch'io una volta ero una carnivora ma ora senza verdura non riesco a fare niente! bacii

Luciana ha detto...

Buonissimi!!! mi segno la ricetta...sono assolutamente da replicare!! buona serata :-p

CoCò ha detto...

@Alem e vengono meglio che al cinese
@Raffy oddio se devi farli al forno è meglio che fai i ravioli al vapore con lo stesso ripieno vedi che la ricetta è nella sezione etnico
@Barbara sono altrettanto buoni
@Mirtilla solo che uno tira l'altro
@Rosmik vado a spulciare la tua ricetta sono curiosa
@Acquolina allora i libri suggeriti ti servono proprio
@Stefano Momentè addirittura la visita dell'autore che piacere e ottimo il consiglio è solo che con seitan tofu e vari non ha familiarizzato dovrei assaggiarli
@Giulia se ci si abitua alla verdura ad ogni pasto non se ne può più fare a meno per fortuna
@Luciana non sono neppure complicati da fare

Aiuolik ha detto...

Io soo stata vegetariana da adolescente per neanche una settimana :) E questo la dice lunga sulla mia passione per la carne. Però ora sto riscoprendo molti sapori "verdi" e riesco a mangiare meno carne. Lettura interessante la tua!

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!