2014-02-04


Canovaccio Busatti, coltello burro Wald
Libri di cucina pare ne siano stati scritti tanti, anzi troppi. I temi da trattare sembrano esauriti se non per i pochi addetti ai lavori e i veri patiti dell'argomento. 
Tuttavia accade ancora che la pubblicazione di un libro di ricette diventi vero fenomeno. E' accaduto di recente con L'ora del paté il libro pubblicato da SAGEP e curato dalla blogger attualmente più seguita d'Italia Alessandra De Gennaro. Il libro, che raccoglie le ricette dei blogger che partecipano all’MTChallenge, una sfida mensile fra foodblogger e appassionati di cucina ha pure uno scopo benefico, il 50% del ricavato sarà infatti devoluto a sostegno del progetto “Cuore di bimbi”. 
Pubblicato i primi di dicembre, ha visto andare esaurite le prime 2000 copie nel giro di sei giorni, ne hanno parlato e ne continuano a parlare ovunque, riviste, trasmissioni televisive, blog e giornali, una pagina fan su Facebook  che conta oltre 1200 simpatizzanti. Possibile che l'interesse sia dovuto alla mancanza di altre pubblicazioni sull'argomento? Bé mi sono incuriosita ed ho voluto verificare libro alla mano. La motivazione a mio dire è che a parte il tema piuttosto originale è davvero fatto bene e nulla ha da invidiare a quei volumi patinati di grandi chef esteri oggetto di desiderio per noi appassionati di cucina. Ricette valide e ben spiegate, grafica accattivante, composizioni fotografiche e illustrazioni, come dire, alla moda fanno il successo del libro. Ricette di paté, ma anche aneddoti, curiosità e suggerimenti e poi un ampio assortimento di pani, cracker, grissini, burro e composte da accompagnare al paté. Insomma i numeri per vendere milioni di copie ce li ha tutti ed io non posso che augurarglielo.
Per fare un paté bisogna partire da una materia prima cotta, occorre poi  del grasso per compattare (normalmente del burro), uno stampo e della pellicola per porre il tutto a rassodare in frigo. Le ricette e le varianti sono infinite, gelatina, non gelatina, decorazioni etc.etc. e leggendo il libro ve ne renderete conto. Io ho fatto una mia ricettina semplice semplice che forse neppure paté si può chiamare. Ho utilizzato del baccalà, pochissimi aromi, un pochino di latte e dell'olio invece che burro. Ho messo in forma e poi tagliato a fette e servito con delle sfogliette di polenta croccanti, una vera bontà.
Paté di baccalà con sfoglie di polenta croccanti
Ingredienti:
300 g di baccalà ammollato e spugnato privato delle lische ma non della pelle
olio extravergine d'oliva
latte
sale
pepe
1/2 spicchio d'aglio
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
4 cucchiai di farina per polenta precotta
Bollire il baccalà per 30 minuti circa, schiumando di tanto in tanto. Quand'è ancora caldo privarlo della pelle (resterà un po' della gelatina sottostante che servirà da addensante). Frullare il baccalà con l'aglio schiacciato e il prezzemolo, aggiungere due cucchiai di latte e olio q.b. fino ad ottenere un impasto cremoso ma molto denso, salare e pepare. Rivestire di pellicola un piccolo stampo e versarvi il composto livellandolo bene. Porre in frigo a rassodare per qualche ora. Intanto cuocere la polenta e spalmarla su due fogli di carta forno in uno strato sottilissimo e cuocerla in forno finché risulterà compatta, tagliarla in quadrati, irrorare con olio, sale e pepe e rimettere in forno fino a far diventare le sfogliette croccanti e dorate. Servirle ben calde con il paté preparato.
Reazioni:

Anche da me è scoccata L'ora del paté

Cocò 2014-02-04 Media Voti 5,0 su: 1

6 commenti:

Mirtilla ha detto...

molto interessante questo pate',si puo'davvero servire in mille modi :)

Ely ha detto...

Interessantissimo questo patè originale, cara <3 E lodevole davvero l'iniziativa di quel volume tanto prezioso e pieno d'amore! Un abbraccio!

CoCò ha detto...

Mirtilla qualcuno lo chiamerebbe baccalà mantecato ma anche se con gli stessi ingredienti quello va lavorato a mano e deve diventare spumoso
Ely grazie il libro è fantastico, di quelli da avere per forza

Clara pasticcia ha detto...

Avevo già letto alcune ricette e quella che hai scelto è decisamente golosa!
Dovrò tassativamente fare mio questo testo!!!

CoCò ha detto...

Clara il libro te lo devi assolutamente fare ma la ricetta non l'ho presa da lì ce n'era una con una gelatina mi pare ma io non amo le gelatine e quindi ho fatto da me, ho appena mangiato questo paté in un goloso panino con aggiunta di pomodorini e un filo d'olio...'na favola

jessika pierobon ha detto...

Buonissima idea!!!

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!