2014-10-06

Proseguono I Percorsi del Gusto su Diritto di Cronaca. Stavolta mi sono fermata a La Locanda del Nonno a Castrovillari. Ecco la mia esperienza.
 
Quando entro in una Enogastronomia mi viene voglia, leggendo i nomi dei prodotti esposti e le etichette dei vini, di provarli lì senza perdere tempo portandomeli a casa. Alla Locanda del Nonno di Castrovillari il mio sogno è diventato realtà. Puoi spulciare tra gli scaffali alla ricerca di qualche prelibata chicca proveniente da qualche recondito angolo del nostro stivale o sederti a uno dei tavoli, magistralmente apparecchiati in un ambiente rilassante, e decidere di affidarti allo chef gustando i prodotti del territorio sapientemente mescolati con quanto di buono la sezione eno-gastronomica del locale riesce ad offrire.
Un ristorante speciale con un'accoglienza attenta e competente, un ristorante che riesce ad offrire qualcosa di più. Anche la scelta dei vini ha qui la sua importanza e per valorizzare al meglio ogni preparazione viene offerto pure il servizio al calice in modo da consentire a tutti di degustare il vino giusto con la pietanza gusta senza dover spendere una fortuna.
Se deciderete di assaggiare il loro antipasto preparatevi mentalmente ad essere travolti da una serie di portate con una mise en place impeccabile, tanto gusto e qualche inaspettata ricercatezza.
Ci ha accolti un piatto di salumi calabresi combinati anche in golose preparazioni come nel caso della pancetta con un cremoso uovo al centro o la patata gratinata con formaggio e pancetta.
 

Irrinunciabile la cipolla di Tropea in nero dolce e anche marinata, i golosi involtini di melanzana allo speck, delicati e profumati cestini di sfoglia con mousse di ricotta e pistacchio ma anche un carpaccio di porcini (quando il Pollino ne offre) con pecorino silano. 
 
Non manca qualche accenno al mare: un salmone affumicato con semi di papavero e sesamo o il più nostrano tonno sott'olio arricchito in gusto con pepe rosa e prezzemolo, davvero una prelibatezza. 
 
I fragranti bignè al formaggio sono serviti con una fonduta di formaggio e del balsamico al tartufo in un piacevole gioco di caldo freddo, le polpettine di manzo con mandorle trovano invece idonea compagnia in una vellutata di porcini per un continuo gioco di consistenze tra croccante e cremoso. Mi fermo qui ma tenete conto che normalmente il servizio dell'antipasto tra una portata e l'altra arriva pure ad un'ora e trenta come precisa orgogliosamente il proprietario.
A questo punto già sazi abbiamo accolto comunque con piacere un piatto di foglie d'ulivo di un locale pastificio artigianale con speck e porcini e non ci siamo fatti mancare neppure una tagliata di manzo di Kobe (non è impossibile trovare anche da noi queste eccellenze) cucinata su pietra lavica e servita su pietra ollare che ci siamo divertiti a condire con sali e spezie provenienti da ogni dove. 
Senza spazio per il dolce non ci restava che chiudere con un amaro e anche qui dagli scaffali della fornita enogastronomia ci hanno servito una chicca l'Ulivar, un amaro che ha tutto il gusto, il colore e l'odore delle olive mature calabresi.
Certa che il nonno proprietario del terreno su cui è sorto il locale a lui dedicato sarebbe stato orgoglioso del risultato, vi invito a fare una puntatina a La Locanda del Nonno, se cercate una cucina di gusto e tradizione non resterete affatto delusi.
La Locanda del Nonno
Via Terranova da Sibari 5
87012 Castrovillari (CS)
Tel. 0981 386062
Reazioni:
Categories:

La Locanda del Nonno, esperienza da ripetere

Cocò 2014-10-06 Media Voti 5,0 su: 1

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Recensione esaustiva e corrispondente all'esperienza che si vive in questo locale. Giustamente in ogni ristorante che si rispetti non può mancare l'amaro Ulivar!

CoCò ha detto...

Davvero una prelibatezza l'Ulivar mi trovi d'accordo

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!