2008-04-14

Anche se ancora ho il maglione di lana (leggerino però) ed ho la stufa accesa a un metro dalla scrivania non posso fare a meno di notare che siamo in primavera e poi, suvvia, oggi fuori c'è un bel sole, gli alberi sono fioriti e il mercato è pieno di fave ed allora perchè non utilizzarle per un bel primo?
Da noi a dire il vero le fave si mangiano più che altro crude con la pancetta tesa ed il pane casereccio oppure, se sono poco tenere, con la pasta quasi in brodo o in una zuppa favolosa col pane, di cui un giorno o l'altro vi parlerò. Questa invece è la mia personale interpretazione di un primo fresco con le fave. E' un primo velocissimo da preparare ma di grande qualità e ricercatezza per l'utilizzo delle Tagliatelle allo zafferano e germe di grano di Morelli made in Esperya e per la presenza della meravigliosa burrata pugliese. Anzi...se qualcuno ancora non l'avesse assaggiata è pregato di farlo senza perdere ulteriore tempo.
Comunque andando alla ricetta dopo che vi siete procurati le speciali tagliatelle di cui vi ho detto, delle fave tenerelle e della fresca burrata pugliese, accomodatevi in cucina e procedete con la preparazione.
Ingredienti per 4 persone:
1 confezione da 250 g di Tagliatelle allo zafferano e germe di grano Morelli
1 burrata pugliese
1 tazza di fave sgusciate
1 cipollotto fresco
1 rametto di menta fresca
olio extravergine d'oliva
sale e pepe q.b.
Mettiamo a bollire l'acqua per la pasta ed intanto facciamo appassire, in un poco d'olio, il cipollotto affettato finemente, aggiungiamo le fave e facciamole saltare un pò in padella, copriamo in modo che si cuociano con la loro stessa umidità. Intanto mettiamo a cuocere la pasta e se le fave non sono ancora tenere aggiungiamo un paio di cuccchiai di acqua di cottura della pasta. Regoliamo di sale e pepe e, fuori dal fuoco aggiungiamo un pò di mentuccia e la burrata tagliuzzata (se ci sembra troppa utilizziamo l'avanzo per un nostro personale e solitario assaggio della materia prima). Quando le tagliatelle saranno cotte, passiamole in padella con il condimento preparato, un filo d'olio e serviamo subito.
Reazioni:

Tagliatelle zafferano e germe di grano con fave e burrata

Cocò 2008-04-14 Media Voti 5,0 su: 1

18 commenti:

Dolcezza ha detto...

sembrano ottime coco! ci farei pure merenda guarda!:)

CoCò ha detto...

@Dolcezza lascia stare che è un periodo che mangerei di tutto a qualunque ora

Lo ha detto...

santo cielo qui piove a secchiate...mi piace lo zafferano messo nei sughi dei primi piatti buon lunedì

unika ha detto...

che dire...ho appena finito di mangiare ma queste tagliatelle mi han fatto venire di nuovo fame:-)
Annamaria

CoCò ha detto...

@Lo il bello è che in questa pasta Morelli lo zafferano è già dentro se sentissi il profumo della pasta anche a crudo
@Unika sei peggio di me che posso mangiare anche 10 volte al giorno per gusto e non per fame naturalmente

lenny ha detto...

Molto invitanti sia per la presentazione che per gli ingredienti utilizzati: buonissime

alessia ha detto...

Cocò devo dire che sono molto molto invitanti con la burrata poi...... ho l'acquolina alla bocca anche se è ora di colazione!!baci Alessia

lytah ha detto...

Che piatto delizioso cocò!!! E poi è bellissimo... ma come non potrebbe esserlo con le tue manine e le tue idee!!!
Ah! Ieri passeggiata a Roma con la mia amica e che ti trovo??? Il miglioooooo :O quanto l'ho cercato mamma mia!!!
Ora ho un mare di idee in cantiere :D
Sul mio blog c'e' un premio per te, che ti assegno di cuore! Passa quando vuoi!
Un bacio :)
taty

max - la piccola casa ha detto...

Adoro le fave, qui a Genova si chiamano basane, e in questo periodo ne mangiamo a quintali crude, si fanno delle vere proprio gare.
l'abbinamento classico è fave, salame di sant'olcese e sardo fresco.

Anche la tua ricetta mi sembra interessante, la proverò

campo di fragole ha detto...

Le fave fresche appena colte sono le migliori, perche' + tenere e meno amare :) Complimentio per questo piattino primaverile :)
Besos,
daniela

mike ha detto...

la primavera tarda ad arrivare sia a roma sia a palermo, ma la voglia di fresco e leggero non aspetta..complimenti,bacio

Arietta ha detto...

è bastata la parola burrata per rendere questo piatto altamente appetibile nella mia scala dei valori :D mmmmmmmmmmmmmmmm!

CoCò ha detto...

@Lenny, Alessia la burrata ha per me un richiamo irresistibile
@Lytah aspetto i tuoi utilizzi di miglio ne ho ancora mezza busta che aspetta il suo turno e passo senz'altro da te ringraziandoti già da adesso
@Max più o meno come da noi con la pancetta tesa le gare però sono stuzzicanti fammi sapere di più
@Campo di Fragole hai ragione le fave cambiano subito di gusto anche dopo un giorno dal raccolto hanno un sapore più amaro
@Mike la mia cucina è combattuta tra la voglia di abbandonarsi alla primavera e l'istinto di mangiare piatti adeguati alle temperature

CoCò ha detto...

@Arietta mi sa che abbiamo la stessa scala di valori...baaci

sandra ha detto...

Beh Cocò, burrata e fave! Slurpssss!
Una vera golosità..... :o)
Brava!

Lo ha detto...

uh che distratta questa cosa dello zafferano nella pasta non l'avevo cpaita...wowofantastica

adina ha detto...

beh, ecco, zafferano, germe di grano, burrata e fave... l'abbinamento nel mio palato mi piace tantissimo! brava cocò!!!

CoCò ha detto...

@Sandra ma grazie detto date poi...
@Lo non preoccuparti
@Adina quasi un gusto nella mente di Dio vero?

Subscribe to RSS Feed Follow me on Twitter!